E’ attesa tra qualche settimana la decisione del Gip Maria Teresa Arena sul caso Isola Bella. Il giudice ha tenuto infatti l’ennesima udienza camerale, dopo il secondo lavoro di accertamento sull’abusivismo e l’inquinamento nella riserva. Un approfondimento di indagine è stato richiesto dal giudice al pm Adriana Sciglio sullo stato dell’arte della riserva, sulla scorta delle denunce del Wwf. Il pm nelle scorse ore, affiancata dalla collega Liliana Todaro, ha chiesto l’archiviazione del fascicolo.

Archiviazione alla quale l’avvocato Aurora Notarianni, legale del Wwf, si è opposta, anche sulla scorta dei più recenti provvedimenti che riguardano Isola Bella. Adesso, quindi, il giudice dovrà pronunciarsi definitivamente: caso chiuso o ci sono responsabilità penali, da valutare, in relazione alla gestione della riserva di Isola Bella, che secondo la sigla degli ambientalisti è tutt’altro che “riservata”?

Il Wwf, che ha gestito la riserva sino al 2006 (poi passata alla competenza della Provincia, infine al Cutgana di Catania), ha denunciato i fenomeni di abusivismo e inquinamento con diversi e dettagliati dossier, corredati di denunce fotografiche, raccolti nel fascicolo del pm Sciglio.

© Riproduzione Riservata

Commenti