Attiviste contestano Cavaliere al seggio. Rischiano una denuncia adesso per resistenza a pubblico ufficiale. Su Facebook la rivendicazione del gruppo, nato in Ucraina

le attiviste a seno nudo contro Berlusconi

Si chiamano Inna Shevchenko, Oksana Shachko e Elvire Duvelle-Charles, le tre attiviste di Femen che hanno contestato Silvio Berlusconi mentre era al seggio per votare a Milano. I nomi delle tre giovani sono stati pubblicati dallo stesso gruppo che ha rivendicato in inglese su Facebook «l’attacco» a Berlusconi chiedendo agli italiani di «non votare qualcuno che dovrebbe essere in prigione». Il leader del Pdl sul profilo del gruppo di protesta ucraino viene definito con epiteti pesanti.

Le tre ragazze sono state portate in Questura per essere identificate ora rischiano una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale. Le giovani sono entrate nell’androne della scuola dove ha votato Berlusconi e si sono mischiate tra i giornalisti nella zona riservato alla stampa, delimitata da alcuni banchi scolastici: non appena Berlusconi è entrato nella scuola ed è passato davanti ai giornalisti, lo hanno contestato verbalmente e sono avanzate verso di lui a torso nudo spostando i banchi, dopo essersi abbassate la cerniera dell’eskimo che indossavano.

Bloccate subito dagli uomini delle forze dell’ordine, sono state portate all’esterno ma due in particolare hanno opposto molta resistenza cercando di divincolarsi anche con graffi e calci, fino a quando Polizia e Carabinieri sono riusciti a portarle via nei loro mezzi.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=0orD_S4DiNk[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti