La coalizione del professore viene data in caduta libera e adesso il Pd rischia di vincere senza avere i numeri per governare nemmeno in caso di alleanze: per questo sta per scattare il corteggiamento al Movimento di Grillo

Mario Monti

Il sogno del Pd di vincere le elezioni 2013 a mani basse – come sembrava possibile solo qualche settimana fa – si sta rapidamente trasformando nell’incubo di non poter governare neanche accettando quel compromesso al ribasso che sarebbe l’alleanza con i centristi di Mario Monti. Secondo gli ultimi sondaggi che riporta il Corriere della Sera, se il Pd tutto sommato tiene saldamente in mano la prima posizione (nonostante l’atteso botto del Movimento 5 Stelle), il problema sta soprattutto nel flop che si sta delineando per i centristi guidati da Mario Monti.

E per il Pd la situazione si fa cupa, visto che al Senato il rischio di non avere una maggioranza autonoma è altissimo e a quel punto sarebbe importante che Monti e compagnia ottenessero almeno 15-20 senatori. Numeri che sembravano certi fino a poco fa, ma che negli ultimi giorni sono stati rivisti al ribasso, visto quanto rapidamente si sta spegnendo l’entusiasmo attorno al Professore.

Nelle regioni chiave, dove si combatte la battaglia per Palazzo Madama, i montiani non sono di nessun aiuto al Pd. Peggio: è proprio dove il Pd è forte che la lista di Monti fatica. Il che significa che il centro i voti li porta via alla sinistra, non alla destra, come si era sperato dalle parti dei democratici. E come se non bastasse, in Sicilia e Lombardia, le ultime due regioni in bilico che decideranno i giochi, i montiani rischiano di non eleggere nessun senatore. Se anche il Pd la spuntasse, i centristi non saranno in grado di portare via preziosissimi seggi al centro-destra.

E’ proprio per questa ragione che Bersani prima, D’Alema poi e adesso anche Prodi hanno ufficialmente fatto partire il corteggiamento al Movimento 5 Stelle. Sarà molto più dura, ma da quelle parti di seggi in ballo ce ne saranno numerosi. Mentre l’ennesima avventura di Casini e Fini, che doveva garantirgli il successo, rischia di trasformarsi nella più cocente delle sconfitte.

© Riproduzione Riservata

Commenti