Monti: “confrontiamoci in tv, italiani non si possono trattare da minorati”. Bersani: “sono pronto e non ho problemi, facciamolo tutti”. Berlusconi: “no a Monti, lui non è in corsa per la vittoria, discorso tra me e Bersani”

polemiche roventi sul confronto tv tra i leader politici

E’ scontro sul confronto pre-elettorale in tv tra i candidati premier. “E’ troppo facile raccontare la propria storia senza contraddittorio. È più utile discutere davanti ai cittadini italiani: non li possiamo trattare come se fossero dei minorati”. Così il candidato premier di Scelta civica, Mario Monti, insiste sulla necessità di un confronto televisivo con Silvio Berlusconi e Pier Luigi Bersani.

Gli altri aspiranti premier, accusa Monti riferendosi anche alla mancata partecipazione di Grillo all’intervista con Sky, “stanno deludendo le aspettative e gli interessi legittimi dei cittadini”.

“Basta, finiamola con questo balletto, io dico facciamolo tutti” ha dichiarato Pier Luigi Bersani ai microfoni di Sky Tg24 da Gioia Tauro, cercando di porre fine alle polemiche. “Vorrei tranquillizzare Monti che io non ho problemi a fare il confronto tv. Però un conto sono i sondaggi, un conto sono le elezioni. Tutti devono avere pari condizioni, diamoci qualche regola civile” ha aggiunto, rispondendo all’appello del Professore a lui e a Berlusconi di fare un duello a tre prima del voto.

“Io non ho nessun problema a fare i confronti – ha spiegato il segretario del Pd – ho solo detto che se non si può chiederlo a due o a tre, sono disponibilissimo ma bisogna farlo tutti quanti, ma poichè uno lo vuole a due, uno lo vuole a tre, non si riesce a fare”. Berlusconi, invece, a margine di un incontro presso la Confindustria di Monza e Brianza, aveva dichiarato: i confronti “si fanno solo con i candidati in lizza e Monti non lo è più. Non ha nessuna possibilità di poter vincere queste elezioni”.

Il suo parere sul confronto tv è “totalmente irrilevante” ha risposto poco dopo Monti. “I confronti elettorali – ha aggiunto il premier uscente – in tutti i paesi si sono sempre fatti e anche in Italia si sono fatti”.

Intanto, Enrico Mentana ha fatto sapere che intervisterà separatamente Bersani, Berlusconi e Monti, per lo speciale “Bersaglio mobile – Uno alla volta” su La7. “Perdurando l’indisponibiltà a un modello condiviso di confronto televisivo, si è deciso di intervistare i candidati in successione”, ha spiegato la redazione del programma.

© Riproduzione Riservata

Commenti