Berlusconi: “raggiunto e superato il Pd, tornati al 1994. Credo che le urne ci daranno tante sorprese”

Silvio Berlusconi

“Ho una notizia buona, anzi buonissima, sembra che li abbiamo raggiunti e superati”. È quanto ha affermato Silvio Berlusconi aprendo la convention del Pdl alla Fiera di Milano davanti a circa 1.500 fedelissimi, riferendosi allo schieramento di centrosinistra rivale alle prossime elezioni.

“Me lo sentivo, dall’affetto che mi avete dimostrato in ogni tappa di questa campagna elettorale, siamo tornati al ’94”, ha continuato Berlusconi, sottolineando: “Credo che le urne ci daranno non una ma tante, buonissime sorprese”.

Intanto pace fatta, se mai guerra è stata, tra il segretario della Lega nord Roberto Maroni e il leader del Pdl Silvio Berlusconi, che stamani da Monza aveva minacciato la caduta delle giunte regionali del Piemonte e Veneto qualora, dopo un’ipotetica vittoria alle prossime politiche, ci fossero stati problemi nell’alleanza con il Carroccio. “La Lega è un alleato solido e leale”, ha tagliato corto in serata il Cavaliere dal palco del Centro congressi di Milano affiancato dallo stesso Maroni.

Lo stesso Berlusconi aveva affermato stamattina: “potremmo far cadere le giunte delle tre Regioni se ci saranno dei problemi al governo per colpa della Lega”. Una dichiarazione che non è piaciuta al Carroccio, quella fatta presso la Confindustria di Monza e Brianza, in merito alla rinnovata alleanza con la Lega e all’ipotesi che si possano creare dei problemi in futuro nella gestione di un eventuale governo. La Lega oggi governa con il Pdl il Piemonte e il Veneto e ha presentato Roberto Maroni come candidato congiunto per il Pirellone in Lombardia.

“Credo quindi che avremo mano libera”, ha aggiunto Berlusconi, auspicando di ottenere “una buona maggioranza sia alla Camera che al Senato”.

© Riproduzione Riservata

Commenti