Sbiancamento e faccette dentali: proviamo a capirne di più con alcune domande e opportune risposte

Lo sbiancamento dentale fa male ai denti?

No. Quando il perossido di carbammide, l’agente chimico che promuove lo sbiancamento dei denti, contatta l’acqua si trasforma in perossido di idrogeno che agisce sulla superficie dei denti senza intaccarli.

Una controindicazione dello sbiancamento è l’aumento temporaneo della sensibilità dentale, che nella maggior parte dei casi è trascurabile, ma in alcuni pazienti potrebbe costituire un forte disagio. Per questo motivo è sempre consigliabile far effettuare il trattamento dal dentista che seleziona attentamente i pazienti idonei.

Come funziona lo sbiancamento dentale?

Lo smalto, lo strato più superficiale del dente, ha un aspetto traslucente neutro. Lo strato inferiore è costituito da dentina che è tipicamente gialla, ma nelle sue varianti può presentarsi grigia, marrone o nera. Queste tonalità attraversano lo smalto e conferiscono al dente la sua colorazione. Durante lo sbiancamento il perossido d’idrogeno, l’agente chimico che sbianca i denti, penetra i pori dello smalto e raggiunge la dentina dove manifesta la sua azione sbiancante.

Gli agenti per lo sbiancamento fai-da-te funzionano?

Questo tipo di sbiancanti dentali, anche se moderatamente efficaci, possono contenere sostanze aggressive per le gengive e per i denti. In particolare le paste dentifricie “sbiancanti” contengono particelle abrasive che alla lunga possono danneggiare lo smalto in maniera irreversibile.

Cosa sono le faccette dentali e perché vengono applicate? 

Le faccette dentali sono delle sottilissime coperture di ceramica o di materiale composito che vengono cementate sulla superficie anteriore dei denti. Vengono utilizzate per migliorare l’aspetto dentale in presenza di forti discolorazioni o gravi perdite di tessuto dentale, come nel caso di agenesia dello smalto, colorazioni da tetracicline, fluorosi, etc…

Il procedimento per applicare le faccette dentali consiste in una prima preparazione del dente, dopodiché viene presa un’impronta con materiali di precisione e in funzione di questa viene fabbricata la faccetta che verrà cementata adesivamente al dente.

© Riproduzione Riservata

Commenti