Ci sono mille diete per dimagrire, eppure non tutti sanno che basta una semplice azione per riuscirci…

Il segreto per dimagrire è attendere 15 minuti dal pasto per attivare il senso di sazietà. E ci voleva tanto? Anni di teorie, la dieta a zona, la Dukan, privazioni, pillole miracolose, unguenti, sacrifici in palestra e guaine snellenti quindi non sono valsi a nulla?

Uno studio dell’Università americana di Cornell, pubblicato su “Food, Quality and Preference” rivela che l’appagamento che deriva da un pasto, non dipende tanto dalle quantità, ma dalla semplice disponibilità di cibo.

Pare inoltre che, dopo un lasso di tempo minimo di un quarto d’ora, il nostro cervello sia in grado di inviare un identico segnale di sazietà allo stomaco, sia che si sia ingurgitato un luculliano pasto, sia che abbiamo consumato un pranzo frugale a base di mela e tramezzino.

Il gruppo di volontari a cui sono state sottoposte porzioni maggiori, ha ingerito in media 100 calorie in più rispetto al gruppo che ha assunto porzioni di cibo molto inferiori. Eppure, si è notato che nell’un caso e nell’altro la sensazione di sazietà è arrivata dopo una pausa di quindici minuti dall’assunzione del cibo, indifferentemente. Brian Wansink, curatore della ricerca, spiega che anche mangiando poco ci si può soddisfare, e si evita in più di piluccare qua e là durante la giornata.

Quindi se si ha la pazienza di attendere che il metabolismo attivi il fatidico segnale di sazietà, ecco che non ci sarà più necessità di ingerire altro cibo per compensare il senso di fame, che molto spesso è quindi auto indotto. Sarebbe a dire che una piccola porzione, quindi, soddisfa tanto quanto un lauto pasto. Certo che è una bella scoperta! Perché se fosse davvero così risparmieremmo denaro, e soprattutto non saremmo costretti a ingerire troppe calorie per saziarci, e riusciremmo a rimanere più facilmente in forma.

E’ proprio vero che la pazienza è la virtù dei forti, e se si vuole dimagrire bisogna armarsene in modo che cervello e stomaco siano coordinati sul senso di sazietà e possano condividere la soddisfazione da un pasto, per quanto piccolo possa essere.

© Riproduzione Riservata

Commenti