Incontro di “Orizzonte 2020” con gli esperti del turismo: le proposte del comitato sovrinteso da Mario Bolognari

il prof. Mario Bolognari

Dal Comitato Orizzonte 2020, presieduto dal prof. Mario Bolognari, riceviamo e pubblichiamo:

“In una sala gremita si è svolto un interessante briefing sul turismo di Taormina, organizzato dal Comitato Orizzonte 2020 di Mario Bolognari.

La relazione introduttiva è stata svolta da Antonio Belcuore, dirigente regionale dell’Assessorato Turismo, che ha presentato un’analisi originale e innovativa dei mutamenti intervenuti negli ultimi venti anni nella clientela italiana e straniera e nella composizione del mercato oggi. Sono emerse due indicazioni fondamentali: Taormina esercita ancora un appeal, grazie alla sua storia e al suo ambiente naturale, dal quale bisogna ripartire per non perdere fette di mercato straniero; nello stesso tempo c’è una criticità nella penetrazione nel mercato italiano che comincia ad essere preoccupante. Inoltre, Belcuore ha evidenziato la progressiva contrazione della stagione come fenomeno che più di ogni altro può determinare una caduta del prodotto Taormina. E’ seguita una discussione molto serrata nella quale sono intervenuti Alessandro Adorno, direttore della scuola per stranieri Babilonia, Sebastiano De Luca e Italo Mennella, presidenti delle due associazioni degli albergatori, Salvo Fiumara e Franco Parisi, presidenti di due importanti realtà degli imprenditori commerciali, e Carmelino Fichera, a nome delle agenzie di viaggio e di trasporto.

Tutti interventi interessanti, nei quali sono state evidenziate le richieste e le proposte delle diverse categorie di imprenditori locali, che non hanno mancato però di riferirsi a un quadro più generale regionale, nazionale e internazionale.

A sorpresa è giunto in sala anche l’assessore regionale alle infrastrutture, Nino Bartolotta, chiamato in causa per le vitali strategie sul trasporto e la viabilità. Bartolotta ha riferito di una significativa inversione di tendenza del nuovo governo Crocetta sulle questioni dello stato vergognoso in cui versano l’autostrada e la strada statale 114 (si è soffermato anche sull’emergenza della frana che deve essere risolta da FS e ANAS insieme), della realizzazione del raddoppio della ferrovia Giampilieri-Fiumefreddo, con la liberazione di tutto il lungomare da S. Alessio all’Alcantara, e infine dei problemi dell’aeroporto di Catania (declassamento, collegamento ferroviario e allungamento della pista per i voli intercontinentali).

La riunione, durata circa tre ore, si è conclusa con una proposta operativa di Bolognari che riunirà in una sede più ristretta tutti i soggetti intervenuti ed altri che si aggiungeranno per formulare un programma di governo per i prossimi cinque anni. Linee guida di questo programma saranno l’allungamento della stagione in inverno, la difesa dei posti di lavoro, l’alleggerimento del carico impositivo sulle imprese turistiche, la creazione di una stretta e continua collaborazione tra le categorie produttive e l’ente comunale, un forte investimento d’immagine recuperando le radici storiche della città”.

© Riproduzione Riservata

Commenti