I Forconi pronti a riprendere la protesta: “dall’11 marzo bloccheremo Sicilia e Italia. Stavolta non ci fermeremo”

Mariano Ferro

L’11 marzo bloccheremo la Sicilia e probabilmente anche l’Italia intera. Sono tante le associazioni e le categorie anche in tutto il Paese condividono le ragioni della nostra protesta e che sono stanchi dei politici e delle loro false promesse“. Con queste parole Mariano Ferro, leader del Movimento dei Forconi, annuncia la ripresa dei blocchi stradali.

Il movimento costituito da allevatori, agricoltori e piccoli imprenditori siciliani, a un anno di distanza dall’inizio della protesta, è pronto a scendere ancora una volta sulle strade. “Già il 13 febbraio daremo un assaggio di quello che faremo a marzo con un volantinaggio al casello autostradale di San Gregorio a Catania“, aggiunge Ferro. “Questa volta non ci commetteremo gli stessi errori di un anno fa. Ci fermeremo soltanto se il prossimo governo interverrà sul sistema di riscossione delle tasse e metterà in pratica provvedimenti concreti a frenare la chiusura di migliaia di piccole imprese in Sicilia“.

“Torniamo in strada perché finora abbiamo assistito a una campagna elettorale intrisa di nulla. Non ci sentiamo rappresentati da nessuno. A quel popolo appagato dal porcellum – tuona il leader dei Forconi – che riesce a tifare ancora per big che rimangono tali, solo grazie al sistema che si sono costruiti su misura, vogliamo dire che non abbiamo nessuna intenzione di ingaggiare una guerra tra poveri, ma che pur essendoci sforzati di proporre soluzioni legislative anche semplici alle molteplici storture, nulla è stato fatto”.

© Riproduzione Riservata

Commenti