Protesta del leader di Rivoluzione Civile, Antonio Ingroia, con bavaglio protesta contro Vigilanza Rai: “noi esclusi dal dibattito tv, così lesi i nostri diritti”

Antonio Ingroia

“La decisione scandalosa della Commissione di vigilanza Rai di escludere Rivoluzione civile dal dibattito finale in tv, privilegiando la presenza dei leader delle coalizioni – Bersani, Monti, Berlusconi – è l’ulteriore dimostrazione della bontà della nostra proposta politica”. Così Antonio Ingroia di fronte a palazzo San Macuto, sede della Commissione di Vigilanza Rai, durante il sit-in organizzato da Rivoluzione Civile.

Circondato dai candidati della lista Ingroia e da diversi sostenitori, il leader di Rivoluzione civile ha ribadito che, una volta in Parlamento, il primo provvedimento sarà una legge sul conflitto di interessi e sull’uscita dei partiti dal consiglio d’amministrazione della televisione pubblica.

“Questo bavaglio che abbiamo indossato oggi – spiega Ingroia- sta a significare che in Italia la libertà di informazione è soltanto apparente. Siamo agli ultimi posti nel mondo e la decisione di escludermi dal dibattito finale in Rai lo conferma. Se non avremo accesso all’informazione ci rivolgeremo in tutte le sedi, nazionali e internazionali, per vedere ripristinato il nostro diritto fondamentale”.

© Riproduzione Riservata

Commenti