Terremoto tra Emilia e Toscana. Scossa avvertita a Bologna, Milano, Firenze. Momenti di paura nelle aree interessate dal sisma: “siamo scesi tutti in strada”

terremoto nelle regioni centro-meridionali

Una scossa di terremoto di magnitudo 4.8 della scala Richter è stato registrato in Toscana, nella Garfagnana (Lucca), nel primo pomeriggio di venerdì 25 gennaio. L’epicentro è stato registrato intorno alle 15:50 tra i Comuni di Castiglione Garfagnana, Villa Collemandina, Pieve Fosciana e Fosciandora.

La scossa è stata avvertita nelle città di Bologna, Modena e Reggio Emilia, ma anche in Toscana, a Firenze, dove è stata sentita ai piani alti delle case. E’ durata qualche secondo.

La scossa di terremoto è stata avvertita anche a Milano, ai piani alti degli edifici. Ai vigili del fuoco non risultano conseguenze a persone o cose, anche se al comando sono giunte diverse telefonate da parte dei cittadini.

Secondo Emsc, la scossa ha avuto magnitudo 5. L’epicentro è stato localizzato a 171 km da Milano, 54 da Reggio Emilia, a 19 km da Barga, a 10 da Frassinoro.

Alla prima scossa di magnitudo 4.8 ne sono seguite una decina di magnitudo 2.

Per il terremoto è stata interrotta la linea ferroviaria tra Lucca e Aulla. Circa 120 passeggeri che erano su un treno in transito sono stati trasferiti su un pullman. Rfi ha fatto sapere che la linea resterà interrotta fino al termine dei controlli, decisi per precauzione.

“Abbiamo avuto tanta paura, in casa tremava tutto, ma non abbiamo avuto alcun danno”. Così una testimone che abita a Castiglione di Garfagnana ha raccontato la scossa di terremoto con epicentro a Castiglione Villa a poca distanza. Molta la paura anche a Castelnuovo Garfagnana, uno dei comuni più grandi della zona. “Ero al secondo piano e ho avuto molta paura – ha detto un testimone di 70 anni – non avevo mai sentito niente di simile. Sono subito sceso in strada. Ma non c’è stato alcun crollo”. Ci sono stati alcuni problemi alla telefonia mobile.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti