L’attaccante francese arriverà a Torino sino al termine della stagione: a luglio prenotato Fernando Llorente. Uno tra Matri e Quagliarella adesso può andare via

Nicolas Anelka

La Juventus ha concluso l’ingaggio di Nicolas Anelka: le parti hanno trovato un accordo per la durata di sei mesi, con il francese atteso nei prossimi giorni a Torino per effettuare le visite mediche di ritiro.

Aspettando il bomber spagnolo Fernando Llorente, che arriverà a luglio, ecco l’accordo tra la Juve e l’attaccante francese, che nell’ultima stagione ha giocato in Cina. L’intesa prevede, come annunciato da Tuttosport, anche un’opzione per il prossimo anno.

Anelka in carriera ha giocato per Paris Saint-Germain, Arsenal, Real Madrid, Paris Saint-Germain, Liverpool, Manchester City, Fenerbahçe, Bolton e Chelsea. Poi, come detto, la parentesi da giocatore-allenatore in Oriente, e adesso tocca alla Juventus.

Il francese dello Shanghai Shenhua ha messo la freccia nella lista delle preferenze bianconere. Ieri Marotta e Paratici hanno bloccato l’attaccante ex Chelsea che poteva liberarsi dal club cinese molto più rapidamente di Didier Drogba. Anelka infatti è arrivato ben prima dell’ivoriano e gli resta meno di un anno alla scadenza, a differenza del campione d’Europa in carica che ha un accordo fino al 31 dicembre 2014 e ha giocato in Cina soltanto pochi mesi.

Un curioso retroscena va a rafforzare la pista Anelka. La Juventus, visti i buoni rapporti instaurati nel passato, ha chiamato Ancelotti per chiedere un parere sul francese dal momento che lo ha visto recentemente allenarsi con il Psg e che in passato lo ha avuto ai suoi ordini al Chelsea (dal 2009 al 2011). E quindi, anche con questo ulteriore via libera, la trattativa ha subìto un’accelerata.

Di conseguenza, la Juventus invece ha fermato il carro diplomatico con il Lione per avere Lisandro Lopez.

E così uno tra Alessandro Matri e Fabio Quagliarella lascerà Torino alla volta di Firenze. Va registrato infatti un certo disgelo tra la società viola e quella bianconera. Montella potrebbe risolvere i problemi offensivi pescando proprio a Torino uno tra Matri (quello che serve di più) e Quagliarella (piace un sacco al tecnico della Fiorentina). La Juventus preferirebbe cedere il secondo, ma ancora non è stato interpellato il diretto interessato. Comunque la cosa che va sottolineata è che Juve e Fiorentina sono ritornate a parlarsi. Un segnale distensivo che potrebbe facilitare la conversazione che sicuramente avverrà durante il prossimo mercato. Oggetto del desiderio Jovetic, il vero top player da regalare a Conte. Provarci avendo addolcito i rapporti magari attraverso il mercato invernale potrebbe essere la strada migliore.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=NJc-YifmQyU[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti