Il Cavaliere pronto a presentare il nuovo contratto con gli italiani a “Servizio Pubblico” dal nemico (?) Michele Santoro, che intanto ha litigato con Enrico Mentana

Michele Santoro e Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi sta per presentare il suo nuovo contratto con gli italiani, il secondo dopo quello del 1994. La novità è che, però, stavolta non lo proporrà dall’ormai ex “fido” Bruno Vespa, bensì da Michele Santoro. Avete capito bene, Berlusconi di nuovo a “Servizio Pubblico”, dall’acerrimo nemico che forse poi tale non è più.

Ma andiamo con ordine e partiamo da una notizia “collaterale” allo scenario politico e mediatico in itinere. Lo riporta “Dagospia” come retroscena e come tale ve la riferiamo: dopo la pubblicazione del sondaggio che dava Berlusconi in risalita successivamente alla serata da “Servizio pubblico” tra Michele Santoro ed Enrico Mentana ci sarebbe stata una conversazione telefonica piuttosto animata tra i due giornalisti. E poiché La7 è in vendita, si parla di voci molto insistenti che vorrebbero Santoro in uscita dall’emittente e magari con ritorno in Rai. E con la benedizione di chi? Assurdo ma vero: Silvio Berlusconi, l’uomo dell’editto “bulgaro” che a suo tempo fece fuori dalla Rai proprio Santoro, insieme allora ad Enzo Biagi e Daniele Luttazzi.

Un accordo di desistenza tra Santoro e Berlusconi: ora tutto è possibile, e se il giornalista è pure diventato il nemico del Pd qualcosa vorrà pur dire. Sono voci e come tali vanno prese: vedremo se ci saranno sviluppi concreti. Anche perché il bilancio di La7 con il programma in chiaro in termini di spettatori è molto buono per non dire clamoroso quando ha avuto come ospite il Cavaliere (quasi 9 milioni di spettatori e il 33,59% di share): la media è stabile con almeno il 10% e più di share e con oltre 2 milioni e 300mila telespettatori ma superando spesso i 3 milioni (con Fini giovedì erano 3 milioni 496mila spettatori e share del 15,42%). Dati quanto mai eccellenti per la tv di Telecom quindi è tutto da vedere se la tv intende fare a meno di un programma che va così bene negli ascolti.

© Riproduzione Riservata

Commenti