La conduttrice svela a sorpresa una sua esperienza scioccante: “non accettava che lo avessi lasciato, così provò a togliermi la vita. Ero ancora ragazza”

Mara Venier

“Da ragazza un uomo mi picchiò e tentò di uccidermi perché l’avevo lasciato, per questo in tv dico alle donne di denunciare, io non l’ho fatto”. Mara Venier racconta un capitolo doloroso della sua vita a “Chi”. Di quando era senza “soldi e senza un punto di riferimento”, con due figli piccoli: “Ho avuto paura, voleva uccidermi e riconosco quella delle altre donne”.

Dopo quella storia traumatica, Mara ha avuto solo uomini “meravigliosi”, ma il ricordo di quel brutto momento ancora la fa stare male: “Ero poco più che ventenne e l’uomo con il qualche avevo avuto una relazione non accettava che lo avessi lasciato, finché è arrivato al momento di volermi uccidere. Eppure non ho mai avuto il coraggio di denunciarlo”.

Soprattutto per paura: “Pensavo che una volta libero tornasse da me e mi ammazzasse. Non c’era ancora la legge sullo stalking, mi ero confidata con qualche amica, niente di più”. Finì che un giorno lo beccarono sul pianerottolo della Venier: “Anche lì fui tentata di scagionarlo, quando hai subito delle violenze ti scatta anche quello nella testa”.

© Riproduzione Riservata

Commenti