La Regione sta per dare l’ok definitivo alle opere per riqualificare e riaprire l’antica fortezza di Taormina

Casteltauro riaprirà in estate?

Si avvicina il momento dell’avvio degli interventi di ristrutturazione di Casteltauro. Si attende infatti soltanto l’arrivo del decreto definitivo di finanziamento previsto dalla Regione per l’iter di gara finalizzato al recupero dell’antico castello saraceno. A quanto pare il governo Crocetta sta per sbloccare questo passaggio burocratico che, nel caso specifico, rappresenta l’ultimo tassello procedurale che manca per procedere alla definizione della gara d’appalto espletata e consegnare gli interventi all’impresa che dovrà rendere nuovamente fruibile il sito. La Regione, ricordiamo, ha finanziato i lavori con 310 mila euro.

L’iter per il maquillage di Casteltauro è sovrinteso dall’arch. Lidia Signorino, Rup per questo intervento specifico e responsabile presso la Soprintendenza dell’Unità Operativa Staff – Beni Demaniali. In tanti attendono il momento della svolta per il castello saraceno da tempo ormai chiuso al pubblico. In tal senso gli uffici di viale Boccetta, in previsione degli interventi in agenda, auspicano che il Comune di Taormina possa a sua volta “attivarsi al più presto per il ripristino della scala di accesso al Casteltauro, che compete alla casa municipale”.

Anche la scorsa estate la fortezza è rimasta con i cancelli sbarrati tra la delusione e l’amarezza dei tanti turisti desiderosi di visitare le spendide mura del castello. Molti di loro arrivano, ancora adesso e da anni ormai, sino all’ingresso e solo in quel momento capiscono che il sito non è accessibile. I 310 mila euro destinati al Casteltauro nel contesto di un bando per il recupero, la valorizzazione, l’iter conservativo e la predisposizione di servizi di accoglienza, sono il miglior viatico verso la riapertura, attesa nella stagione turistica 2013.

© Riproduzione Riservata

Commenti