Neve dal Nord al Sud: imbiancati i Castelli Romani ed Emilia Romagna. Freddo anche in Calabria e Sicilia

Roma imbiancata dalla neve

 

L’Italia nella morsa del maltempo. Si registrano infatti in queste ore disagi provocati dalla neve in diversi punti d’Italia, dal nord al sud. Nevica in Emilia Romagna, sui Castelli Romani e in provincia di Roma, sul Vesuvio e sulle alture di Genova, sulla Sila in Calabria. In tutto sono 800 i chilometri in cui sta cadendo la neve, sulle autostrade italiane.

Nevicate, a tratti intense, anche a basse quote, interessano da martedì 15 gennaio tratti autostradali per circa 800 chilometri in Liguria, Piemonte, Lombardia, Friuli, Emilia Romagna e Toscana. Autostrade per l’Italia informa che il modello di intervento è attivo con circa 500 mezzi e 1.500 operatori su tutto il territorio coinvolto, per garantire la piena percorribilità della rete. Al momento le nevicate più intense interessano i seguenti tratti autostradali:

– A1 MILANO-NAPOLI, tra Casalpusterlengo e Barberino del Mugello

– A14 BOLOGNA-TARANTO, tra l’all. A1/A14 e Castel S. Pietro

– A23 PALMANOVA-TARVISIO, tra Carnia e Confine di Stato

– A27 VENEZIA-BELLUNO, tra Vittorio Veneto Nord e SS51 Alemagna.

Nell’arco della giornata si prevede una persistenza dei fenomeni nevosi sull’area padana centro-orientale e sull’appennino tosco-emiliano. Da segnalare inoltre forti temporali tra Lazio e Campania con possibili grandinate. In relazione alla situazione in atto Autostrade per l’Italia consiglia agli utenti che devono mettersi in viaggio nelle aree interessate: di informarsi preventivamente e continuamente sulle condizioni della circolazione sui tratti autostradali interessati dalle perturbazioni nevose e di intraprendere il viaggio solo se adeguatamente equipaggiati.

Fiocchi di neve sulla via Dei Laghi ai Castelli Romani. Nella provincia di Roma nevica nell’alta Valle Aniene. I fiocchi stanno cadendo in modo intenso nel comuni a più alta quota: ad Affile le strade sono già coperte da un sottile strato bianco ma continua a nevicare e la situazione sembra destinata a peggiorare. Situazione simile ad Arcinazzo Romano. Nevica invece in modo leggero a Subiaco dove non si segnalano particolari problemi. La strada Sublacense, che collega Subiaco con i paesi di montagna al confine con la Ciociaria, è imbiancata verso Affile e Arcinazzo con le prime difficoltà per gli automobilisti. Gli spazzaneve sono impegnati per pulire le strade principali e garantire i collegamenti. In tutti i comuni già da giorni è stato comunicato l’obbligo per gli automobilisti di dotarsi di catene da neve o pneumatici invernali.

Nella Bergamasca la neve è scesa per tutta la notte in alta valle Seriana e Brembana, mentre qualche fiocco è caduto anche sul capoluogo e fino in pianura dove, però, oggi piove. Il grosso della nevicata si è registrato nelle valli: a Valtorta (Bergamo), in val Brembana, sono scesi fino a 40 centimetri di neve in una notte, 30 a Foppolo (Bergamo) e 25 a Mezzoldo (Bergamo). Neve anche in valle Seriana, in particolare a Clusone (Bergamo). Non si sono comunque registrati problemi o disagi alla circolazione.

Neve sul monte Fasce alle spalle di Genova e nelle vallate dell’interno della provincia.

Cima del Vesuvio imbiancata da una spruzzata di neve e temperatura in calo a Napoli, dove stamattina i termometri segnano 6 gradi. Scrosci di pioggia ed anche grandine si alternano al sole. In provincia qualche fiocco di neve ha raggiunto anche le quote più basse. Il Vesuvio appare oggi con il cono in buona parte innevato a testimonianza del calo di temperature registratosi nelle ultime ore.

Una fitta e copiosa nevicata cade dalle prime ore della mattina sull’Emilia, da Piacenza a Bologna fino a Modena. La neve sta creando disagi al traffico, in particolare nel bolognese risulta rallentata sulla provinciale Bazzanese, Libere le direttrici autostradali dove però si procede a rilento, soprattutto nel tratto appenninico. Le Ferrovie delle Stato segnalano che sulla direttrice Milano-Bologna i treni potranno ridurre la velocità.

Neve in Calabria sulle cime della Sila e temperature sotto lo zero anche su Pollino e Aspromonte. A Camigliatello, dove continua a nevicare, la colonnina di mercurio segna due gradi sotto lo zero dopo i -4 della notte scorsa. Ulteriori e più copiose precipitazioni nevose sono previste per i prossimi giorni. Temperature a picco in tutta la regione dove continuano ad imperversare vento e pioggia. Nevischio nella zona di Campotenese sull’A3 ma la circolazione è regolare.

L’afflusso freddo arrivato sull’Italia in queste ore dalla Scandinavia, “non si esaurirà prima di sabato 19 gennaio”. Lo dice in una nota il meteorologo Francesco Nucera che aggiunge: “Fino a venerdì altre nevicate saranno possibili lungo lo Stivale a quote basse, nel fine settimana solo al nord”. Bisognerà coprirsi bene perché il freddo sarà ancora più pungente tra oggi 16 gennaio e venerdì: “Giovedì un nuovo impulso polare porterà diffuso maltempo al Centro Sud con neve a quote collinari, sino a 200-300metri. Venerdì il maltempo si concentrerà al Sud e sul medio Adriatico con rovesci e nevicate in collina. Clima freddo ovunque”, conclude l’esperto. Infine sabato 19 gennaio è attesa la terza ondata di maltempo invernale con una nuova forte perturbazione atlantica che porterà maltempo e tantissima neve specie al nord tra Lombardia e Piemonte, Alpi ed Emilia, e nevicherà nuovamente anche in Liguria.

Traffico ferroviario regolare sulla rete ferroviaria nazionale nonostante l’ondata di maltempo che sta interessando la Penisola e in particolare le regioni del Nord. Lo rende noto Ferrovie dello Stato italiane (Fs). Nel nodo di Bologna e sulla direttrice Milano-Bologna, a causa della nevicata in corso, i treni potranno ridurre la velocità.

Rete ferroviaria italiana (Rfi), comunica che già sono stati attivati i Piani Neve e Gelo in tutte le regioni italiane. Il servizio potrà ridursi qualora la situazione dovesse peggiorare oltre le normali condizioni di circolabilità, in base alle previsioni meteorologiche della Protezione Civile.

© Riproduzione Riservata

Commenti