Il leader Udc: “sono l’ossessione di Berlusconi. Vorrebbe uccidermi politicamente. No alle alleanze”

Pier Ferdinando Casini

«Noi non possiamo accettare di fare alleanze oggi perché vogliamo vincere…» ha detto oggi Pier Ferdinando Casini a Lucia Annunziata suRai 3, aggiungendo: «Lei dice “non vi volete far tagliare un braccio”, io dico qualcos’altro…».

«Io sono l’ossessione di Berlusconi – continua Casini – , mi vuole uccidere politicamente e non ci riesce. Cinque anni fa ho denunciato che era un buffone e che il discorso del predellino sarebbe stato un disastro per l’Italia e infatti Berlusconi ha ridotto l’Italia al livello della Grecia. Ora fa lo smemorato, fa finta che tutto quello che è successo in Italia non è colpa sua». «Come piazzista – attacca ancora Casini – è il migliore del mondo. Santoro a “Servizio pubblico” lo ha rilanciato? Certamente ha rilanciato Santoro, che ha fatto 9 mln di ascoltatori. Ma gli italiani sono intelligenti e sanno che chi va in tv con l’elenco della spesa, dicendo: toglierò l’imu, abbasserò le tasse… ma chi ha governato negli ultimi dieci anni? Allora, se è così bravo, perchè tutte queste cose non le ha fatte quando era a palazzo Chigi?».

«Berlusconi vuole trattare con Bersani». «Va a Palazzo Chigi chi avrà la maggioranza al Senato e alla Camera – dice Casini – E se non succede, il presidente della Repubblica deciderà a chi affidare l’incarico. La preoccupazione di Berlusconi è di trattare lui con Bersani. Vedremo se anche Bersani accetterà di trattare con Berlusconi. Se vince alla Camera e al Senato, sicuramente Bersani potrà andare a palazzo Chigi, ma c’è un sistema bicamerale perfetto, le due Camere hanno stessi compiti e stesso ruolo, e dunque se Bersani non avrà la maggioranza al Senato il presidente della Repubblica, che grazie a Dio sarà Napolitano, farà le consultazioni e vedrà cosa succede».

«Sì ai riformisti Pd, ma c’è un abisso tra Bersani e Vendola». «E’ vero che devono collaborare i riformisti – dice il leader Udc – Il Pd si definisce riformista, e io apprezzo molto il riformismo del Pd, ma tra il mio amico Enrico Letta e Nichi Vendola c’è un abisso. Monti è stato appoggiato da Pd e Pdl. Poi il Pdl ha staccato la spina e il Pd ha imbarcato nelle sue primarie un signore rispettabilissimo, ma che di Monti dice e pensa tutto il male possibile. Monti non ha cambiato idea, sono gli altri che hanno cambiato idea».

«Chi è il candidato premier del Pdl? Non l’ho capito». «Bersani ha messo in evidenza una cosa giusta: nel Pdl non si capisce chi sia il candidato premier – sottolinea Bersani – E’ Tremonti, Alfano, Maroni, Berlusconi. Chi è il premier? Noi abbiamo un leader e candidato premier che è Monti».

«Anche Montezemolo farà comizi». «Montezemolo è uomo che ha grande popolarità ed è un grande attrattore di voti – dice il leader Udc – Ha molte attività professionali a cui avrebbe dovuto rinunciare candidandosi. Però è molto impegnato anche in campagna elettorale. Parteciperà ai comizi? Perché no? Io lo inviterò. Questa campagna elettorale, però, sarà troppo breve e fredda».

«Mia cognata è la più votata dell’Udc in Emilia Romagna». «Silvia Noè è mia cognata ed è la più votata dell’Udc in Emilia Romagna, ed è stata in questi dieci anni consigliere regionale» dice Casini replicando alle critiche per la candidatura della moglie di suo fratello e del fidanzato della figlia, Azzolini, che tuttavia non è entrato in lista. «Non è mio cognato… E’ un ragazzo molto intelligente, aspirava ad avere il posto in Friuli, ma purtroppo per lui dovrà aspettare un turno».

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ZE6LhXSKY2g[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti