Finge di fermarsi al posto di blocco della Ps, ma poi scappa: sorvegliato speciale di Giarre denunciato dalla Polizia di Stato del Commissariato di Taormina

Polizia di Stato denuncia un sorvegliato

Nel pomeriggio di mercoledì scorso, intorno alle 16.20, personale della Polizia di Stato del Commissariato di Taormina, in servizio a Giardini Naxos, presso il tratto SS114 – Ponte dell’Alcantara, durante un’attività di controllo del territorio ed in particolare mentre si monitorava il possibile transito di soggetti pericolosi provenienti dall’etneo, ha intimato l’alt ad un veicolo. Ma il conducente, dopo aver rallentato inizialmente la marcia, ha ripreso la corsa a forte velocità in direzione Catania.

Nell’immediatezza gli agenti di Polizia sono riusciti a rilevare il modello dell’automobile, che risultava essere di proprietà di un soggetto residente a Giarre. A quel punto la Polizia ha eseguito un controllo, per dare corso alle indagini. presso il domicilio, ma non ha rintracciato nessuno degli occupanti del veicolo e ha cosi posto in essere ulteriori verifiche a tappeto sul territorio per rintracciare l’auto con i fuggitivi. Verso le 18.45, in via Principe di Macchia a Giarre, gli agenti della Polizia hanno intercettato la vettura.

A bordo del mezzo è stato identificato un 29enne di Giarre, già noto alle Forze dell’Ordine per numerosi reati contro il patrimonio, nonchè sottoposto alla misura di sorveglianza speciale di Polizia per due anni in atto. Dagli accertamenti ulteriormente effettuati dalla Ps è emerso che il soggetto risultava sprovvisto di copertura assicurativa per il mezzo. In relazione a quanto avvenuto, si è cosi proceduto all’accompagnamento in Ufficio del 29enne, al fine di redigere e contestare, le violazioni al Codice della Strada e di cui alla legge Antimafia e misure di prevenzione D.Lgs. 159/2011.

L’uomo è stato, inoltre, segnalato all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà, in quanto ha violato le prescrizioni imposte con la sorveglianza speciale emessa dal Tribunale di Catania, a cui doveva attenersi, e dopo le formalità è stato messo in libertà.

© Riproduzione Riservata

Commenti