“A cosa è servita la delibera di Consiglio comunale che abbiamo approvato per sanare l’iniqua applicazione della Tarsu sui garage? Sinora l’Amministrazione non ha recepito le indicazioni date dal Consiglio e si è trincerata nel silenzio”. Lo dichiara Antonio Lo Monaco, il consigliere primo firmatario dell’odg approvato lo scorso giugno per stoppare l’avvenuta applicazione di una tassa senza che esistesse apposito regolamento. A distanza di sei mesi da quella presa d’atto, e mentre è stato anche approvato a novembre il bilancio, “tutto tace”.

“Il bilancio – afferma Lo Monaco – ci è stato portato in aula, come ormai è noto, senza aver modo di poterlo approfondire e integrare con delle modifiche e non sappiamo che fine abbia fatto quella istanza esitata sulla Tarsu per i garage. E’ stata recepita? Sinora sembra proprio non ci siano riscontri in tal senso. Diversi cittadini, avendo deciso di fare ricorso o per ottenere chiarimenti, hanno scritto al Comune ma non hanno avuto nessuna risposta. La stessa cosa ho fatto io, nella qualità di consigliere ma anche qui non mi è pervenuta alcuna risposta. I cittadini ormai sanno che al momento in cui sono stati fatti gli accertamenti il regolamento non comunale non prevedeva la tariffa e relativa superficie tassabile”.

Tra le sollecitazioni a più riprese fatte dal consigliere rientra la quantificazione delle “entrate derivanti dalla tassa su tutto il territorio dal 2005 al 2010” ed il chiarimento su “quali sono le voci in bilancio dove venivano appostate le entrate derivanti dalla Tarsu sui garage”. Si parla, insomma, di notifiche di “accertamenti Tarsu con sanzioni, addizionali e interessi”. L’imposta sui rifiuti solidi urbani, applicata nel caso specifico per i garage box e/o cantine, fu notificata senza che fosse disciplinata tramite regolamento, come tariffa per “locale adibito ad uso abitativo”. La prima commissione consiliare ha quindi inserito nel regolamento comunale Tarsu il garage come superficie tassabile al 20%”, in pratica a 0,48 euro al metro quadro. Ma il giallo continua.

© Riproduzione Riservata

Commenti