A seguito dell’assemblea ai “Salesiani”, il gruppo finiano ufficializza il proprio candidato sindaco: sarà Pinuccio Composto, come da previsioni. La contesa tra tutti i numerosi “papabili” entrerà nel vivo dopo le festività

chi sarà il prossimo “primo inquilino” di Palazzo dei Giurati?

Fervono le grandi manovre in vista delle elezioni amministrative che si terranno in primavera a Taormina e sono sempre più numerosi gli aspiranti alla poltrona di primo cittadino.

Nelle scorse ore il Fli, a seguito di un’assemblea svoltasi ai Salesiani, ha ufficializzato la candidatura a sindaco di Pinuccio Composto. Il consigliere comunale e già presidente del Consiglio nelle Amministrazioni Turiano e D’Agostino entra quindi in competizione come candidato del gruppo Fli nelle consultazioni che, tra i vari “papabili”, decideranno poi quali saranno gli effettivi candidati ufficiali a primo cittadino.

Si tratta di una conferma in quanto era già nota da tempo l’intenzione di Composto di ottenere la candidatura Fli.

All’assemblea ai “Salesiani” hanno preso parte, tra gli altri, anche Bruno De Vita, l’on. Carmelo Briguglio e il giovane coordinatore del Fli, l’avv. Danilo La Monaca.

La situazione in vista del ritorno alle urne è ancora molto incerta, lo scacchiere è in piena evoluzione e ancora aperto a colpi di scena.

Alle elezioni si riproporrà il sindaco uscente Mauro Passalacqua ed inoltre sono in corsa, con le proprie formazioni politiche che potrebbe poi essere in molti casi di carattere civico, Eligio Giardina (Udc), Mario Bolognari (Pd), Mario D’Agostino (Udc), Cino Restuccia (Rinnovare Taormina). Un candidato sarà inoltre indicato dal Movimento 5 Stelle di Grillo.

E non si esclude l’entrata in scena di qualche “mister x”.

Un candidato sindaco verrà, di certo, espresso a breve dalla nuova aggregazione civica “Tu Protagonista”, che vuole porsi in discontinuità con le recenti Amministrazioni ed avrebbe almeno tre candidati da mettere sul tavolo delle trattative. “Tu protagonista” ha già raccolto numerose adesioni eccellenti ed ha costituito un Comitato provvisorio del quale fanno parte nomi di rilievo nel contesto locale: Antonio Lo Monaco, Cettina Rizzo, Rocco Cappello, Salvo Brocato, Giancarmelo La Manna ed il presidente del Consiglio, Eugenio Raneri.

Si attendono novità anche sulla posizione di Vittorio Sabato, da sempre figura chiave ed “ago della bilancia” nella cittadina di Trappitello e per le sorti delle tornate elettorali. Stavolta Sabato pare deciso a mettere alcuni “paletti” sulle alleanze.

Infine, sono determinati a dare vita ad un movimento anche il consigliere comunale Jonathan Sferra ed il responsabile dell’associazione “centro diritti del cittadino” Franz Buda, che pochi giorni fa hanno tenuto una riunione operativa a Trappitello.

IL COMUNICATO FLI. Il dottor Giuseppe Composto, leader consiliare del gruppo “Futuro e Libertà” e già presidente del Consiglio Comunale di Taormina, è il candidato sindaco designato dal partito di Fini a Taormina nel corso di una partecipata assemblea di iscritti e simpatizzanti in vista delle prossime elezioni amministrative.

Tale indicazione verrà portata al tavolo del confronto con le altre forze politiche, nella consapevolezza del ruolo trainante che il gruppo politico ha avuto ed intende avere in città, unitamente ad una proposta di programma e regole che, ha sancito l’Assemblea, devono rappresentare l’unica discriminante per la formazione della coalizione che intende proporsi alla guida della città del centauro la prossima primavera.

Una coalizione quindi aperta agli apporti di tutti coloro i quali condividono il percorso tracciato, senza preclusioni preventive ma anzi con lo spirito del “Governo di salute pubblica” necessario ad affrontare la gravissima situazione finanziaria, economica e gestionale della città, con l’unico “paletto” rappresentato dalla netta e irrevocabile “discontinuità” rispetto alla attuale Amministrazione Comunale e più in generale verso la “vecchia politica”, cui va contrapposta una azione amministrativa pragmatica e scandita per obiettivi e scadenze temporali, ed incentrata sulla necessità di un profondo e radicale cambiamento.

Su tale impostazione, l’Assemblea ha dato il via libera per un confronto a 360 gradi, a partire dai gruppi dell’Udc, di Grande Sud, del Pd, “Taormina Unita” e di “Tu protagonista”, dando mandato, a supporto del coordinatore Danilo La Monaca, al neo candidato sindaco Pinuccio Composto ed a Bruno De Vita, di condurre tale percorso.

L’incontro, svoltosi alla presenza dell’on. Carmelo Briguglio, coordinatore regionale e leader siciliano del partito di Fini, ha anche affrontato la tematica delle altre imminenti scadenze elettorali: da quella nazionale in programma a febbraio, a quella per il rinnovo del Consiglio Provinciale, per la quale l’Assemblea ha proposto la candidatura di Andrea Raneri”.

© Riproduzione Riservata

Commenti