L’uso sempre più diffuso di tablet, smartphone e netbook a letto ha un impatto sempre più negativo sull’attività sessuale. Un’indagine svela tutti i nuovi tecno-costumi

aumenta l’uso di computer e telefoni a letto

Sono sempre più diffusi tablet, smartphone e compagnia bella. Lo possiamo vedere ogni giorno tra le persone e la pubblicità sempre più martellante – specie in questo periodo.

Nulla di male, se l’utilizzo di questi tecno-gadget si contenesse a un tempo limitato, ma i problemi iniziano a sorgere quando non si tolgono gli occhi dallo schermo per molte ore al giorno e, ormai, perfino la sera a letto.

Conseguenza di tutto ciò? Oltre agli arrossamenti e stanchezza degli occhi, disturbi dell’umore e del sonno che hanno evidenziato diversi studi, ecco che tablet e smartphone possono anche avere un impatto negativo sul rapporto di coppia e la sessualità.

Questo nuovo effetto techmania è emerso in un’indagine promossa online dal sito BroadbandChoices.co.uk e che ha coinvolto oltre 2.000 adulti.

I partecipanti al sondaggio, di cui ne riporta notizia il New York Daily News, hanno ammesso che l’uso dei gadget tecnologici ha modificato le loro abitudini. Il 15% delle persone ha confessato di aver meno rapporti sessuali da quando c’è il nuovo “compagno” di letto.

Quasi la metà degli intervistati, poi, ha dichiarato di spendere fino a 90 minuti su netbook o notebook, tablet e smartphone mentre si trova tra le lenzuola. Questo fa allungare il tempo di veglia medio fino almeno alla mezzanotte – un dato che fa pensare, se si tiene conto che 10 anni fa l’orario medio in cui si andava a letto erano le 10.30.

Visto che di stare insieme al partner non se ne parla, quali sono le attività cui si dedicano i tecno-maniaci quando sono a letto? Circa il 25% degli intervistati afferma di navigare in Internet, mentre il 15% guarda i programmi Tv o qualche video sul proprio laptop o tablet.

Questa tendenza è tuttavia più diffusa tra i giovani e gli adulti: gli anziani intervistati, infatti, hanno dichiarato che preferiscono leggere un libro.

Se si tiene conto che anche recenti indagini hanno svelato come molte persone preferiscano rinunciare al sesso piuttosto che al proprio smartphone o tablet, il quadro non appare di certo edificante.

Allora, se proprio non interessano più i rapporti personali, bisognerebbe almeno prestare attenzione alla salute, dato che ormai è noto come l’uso di apparecchi elettronici prima di dormire non faccia per niente bene.

© Riproduzione Riservata

Commenti