Centrosinistra ancora favorito sui moderati ma il premier avrebbe addirittura già scavalcato Bersani

Pier Luigi Bersani e Mario Monti

Secondo i risultati di un sondaggio Emg per La7 il centrosinistra oggi sarebbe davanti a tutti come schieramento (37,9%) ma Mario Monti soprattutto avrebbe la pole position come presidente del Consiglio (37% di gradimento).

Il sondaggio prende in considerazione l’ipotesi che Monti si candidi con un proprio schieramento. Che vuol dire? Che una parte dell’elettorato del centrosinistra preferisce Monti a Bersani come premier.

Schieramenti. Queste le attuali percentuali degli schieramenti. Centrosinistra primo con il 37,9%. I moderati (che sarebbero rappresentati da Monti) sarebbero al 25,1%. Tra di loro sono compresi quelli del Pdl. Il Movimento 5 Stelle invece è al 18,6%. Gli indecisi scendono a quota 13,4%.

Leader. Il leader preferito come premier è Mario Monti (37%), che precede Pier Luigi Bersani (32,4%). Mentre il 19,7% non voterebbe nessuno di questi due (probabilmente tra loro ci sono i nostalgici di Berlusconi).

Partiti. Continua a guadagnare il Pd, che passa dal 32,2% al 32,9%. Tutti voti rosicchiati a Sel (da 5,7% a 5,1%). Perde il Pdl, che passa da 16,3% a 16%. Perde anche la Lega (da 6,4% a 5,8%). Guadagna l’Udc (da 3,9% a 4,4%) mentre continuano ad andare indietro l’Idv (ormai a quota 1,4%) e la Federazione della Sinistra (che torna sotto il 2%). La notizia del giorno, però, è che il Movimento 5 Stelle continua a retrocedere (dal 17,1% al 16,6%)

© Riproduzione Riservata

Commenti