Ruby informa il suo legale: “all’estero fino a gennaio”. Per la Boccassini “strategia concordata con Berlusconi”

Ruby

Karima El Mahroug, detta “Ruby”, si trova in Messico e dovrebbe tornare in Italia a gennaio. Lo ha comunicato la stessa ragazza al suo legale, l’avvocato Paola Boccardi, la quale ha informato la procura di Milano.

Lunedì la giovane marocchina non si era presentata in tribunale dove era stata convocata come testimone nel processo a carico di Silvio Berlusconi. Secondo il pm, Ilda Boccassini, sarebbe stato proprio il Cavaliere a nascondere la ragazza all’estero per far dilatare i tempi del processo, in vista della campagna elettorale.

Il lgale di Ruby le ha chiesto di inviarle copia dei biglietti per giustificare anche formalmente la sua assenza alla prossima udienza del 17 dicembre quando in teoria sarebbe chiamata a testimoniare.

La giovane marocchina si è detta “rammaricata” col suo legale perché non pensava che la sua assenza all’udienza di ieri “scatenasse tante polemiche” e ha detto di aver aspettato tanto per essere ascoltata e di essere “dispiaciuta” perché ora le imputano di non essersi presentata.

Ieri il pm Ilda Boccassini aveva accusato la difesa Berlusconi, imputato di concussione e prostituzione minorile, di volere “dilatare i tempi del processo”, posticipando la testimonianza di Ruby, citata dagli stessi avvocati difensori dell’ex premier Niccolò Ghedini e Piero Longo.

© Riproduzione Riservata

Commenti