Amy Winehouse, prima di morire, tenne in casa sua e accudì una barbona per sei mesi. Lo sapeva solo il padre

Amy Winehouse

E’ passato quasi un anno e mezzo dalla morte di Amy Winehouse, ma la cantante inglese continua a far parlare di sè.

Mitch Winehouse, padre che dopo la scomparsa schock di Amy ha persino aperto una fondazione benefica in suo onore, è infatti tornato a parlare della figlia mai dimenticata. Rivelando un aneddoto fino ad oggi taciuto. Perché la ‘dolce’ Amy dal cuore enorme, accudì addirittura una barbona per 6 lunghi mesi…

“Tutto è cominciato quando Amy viveva in un appartamento del West End di Londra. Amy stava al piano di sopra e c’era questa ragazza che camminava in giro per casa. Non volevo chiederle “Cosa ci fai qui? Chi sei?”. Sa, è un po’ scortese. Così quando Amy si svegliò le dissi: “Chi è quella ragazza che gira per casa”. Lei mi rispose: “Era una barbona, me ne sto occupando”. “Quindi sì, avrebbe apprezzato tutto questo sostegno, perché in parte aiutiamo gli enti benefici che si occupano di senzatetto e giovani”.

La Amy Winehouse Foundation, nata con lo scopo di aiutare quei tanti giovani che vivono per strada, trova così ancor più forza nelle parole di Mitch Winehouse.

D’altronde le serate nel nome di Amy si susseguono, così come la raccolta fondi, che serve proprio per venire incontro a quei ragazzi e a quelle ragazze ancora oggi privi di sostegno e supporto, non solo economico. Come quella sconosciuta senzatetto, aiutata dalla stessa Winehouse, quando era ancora in vita.

© Riproduzione Riservata

Commenti