La Russa e Gasparri frenano Giorgia Meloni, ex An però si dividono. Summit contro la candidatura “rosa”. Ma lei si dichiara pronta comunque a scendere in campo

Giorgia Meloni

Una riunione in “notturna”. Trenta fra parlamentari e big regionali (c’era ad esempio il governatore calabrese Giuseppe Scopelliti e almeno una ventina di deputati) della componente “Italia Protagonista” di La Russa e Gasparri.

Tutti riuniti fino a notte per discutere di un’eventuale candidatura alle primarie del Pdl di un dirigente dell’ex An. La riunione si è però conclusa con la presa d’atto che le posizioni divergono e che molto dipenderà da come si risolverà la partita delle elezioni regionali e dell’election day, che mettono a rischio le primarie del Pdl.

Il nome in pole per un’eventuale candidatura, com’è noto, è quello di Giorgia Meloni. La maggior parte dei dirigenti intervenuti, riferiscono, si è espresso contro questa possibilità, sottolineando che l’appoggio della componente sarà riservato ad Angelino Alfano. Chi invece si è espresso a favore della corsa dell’ex ministro della Gioventù ha spiegato che non si tratta di contrapporsi al segretario uscente, ma di arricchire le primarie e dare protagonismo a un mondo. Un parlamentare, fra i sostenitori della tesi maggioritaria, ha sottolineato come un’eventuale candidatura di un ex An sancirebbe uno strappo della componente e si collocherebbe al di fuori di Italia Protagonista.

Meloni è comunque pronta a candidarsi. Se le primarie si terranno, dovrebbe scendere in campo. E si consumerebbe di conseguenza una lacerazione politica interna, al netto dei buoni rapporti personali tra l’ex ministro della Gioventù e i larussian-gasparriani.

Certo è che le prossime ore chiariranno il quadro complessivo e, di conseguenza, saranno utile a far chiarezza sulle primarie del Pdl e su eventuali candidature. Sabato, a Milano, resta confermato l’appuntamento di La Russa e Gasparri a Milano. Un evento che vedrà la partecipazione Alfano, il candidato dei due colonnelli.

© Riproduzione Riservata

Commenti