I biancocelesti vincono 3-2 contro la Roma, ridotti in dieci dall’epulsione di De Rossi. Vince il Napoli, 4-2 in rimonta contro il Genoa. Il Milan sprofonda a “San Siro” contro la Fiorentina: finisce 3-2 per i viola di Montella

Miroslav Klose stende la Roma

E’ la giornata del Derby di Roma, vinto dalla Lazio in rimonta sui giallorossi di Zeman. Il Milan cade nuovamente a San Siro: a passare al Meazza è la Fiorentina di Montella, sempre più lanciata verso le zone nobili della classifica. Il Napoli va sotto contro il Genoa a Marassi, poi si scatenano Cavani e Hamsik e Mazzarri conquista i tre punti.

GENOA NAPOLI 2-4. Gol ed emozioni a Marassi. Il Napoli resta in corsa Scudetto grazie a una strepitosa rimonta, completata nel finale da Cavani, Hamsik e Insigne. Genoa avanti 2-1 fino a mezzora dal termine del match con le marcature di Immobile (migliore in campo insieme a Cavani) e Bertolacci. Dell’ex Mesto, entrato nella ripresa, il primo gol dei partenopei che grazie a questi tre punti restano al terzo posto. Scivola in piena zona retrocessione invece il Genoa di DelNeri, prossima settimana impegnato nel derby contro la Samp, sconfitta a Palermo 2-0 e in piena crisi.

KLAZIO-ROMA 3-2. Fantastico derby all’Olimpico. La Roma per la quarta volta in stagione si fa rimontare e perde 3-2. I giallorossi passano in vantaggio dopo 10’ con Lamela, che incorna di testa il settimo gol stagionale. Ma all’intervallo sono già sotto: Candreva pareggia al 35’ sfruttando un’incredibile papera di Goicoechea, mentre Klose fa il 2-1 al 43’ e De Rossi si fa espellere per un pugno a Mauri nel recupero. In avvio di ripresa lo stesso Mauri cala il tris (clamoroso “assist” di Piris), ma la partita resta viva sino alla fine. Pjanic accorcia su punizione (altra topica di Marchetti), mentre Mauri si fa espellere e Osvaldo fallisce il 3-3 al 94’. La Lazio torna a correre e sale a quota 22 tenendo il quinto posto a -2 dalla Fiorentina. La Roma è un gradino sotto con 16 punti e la peggior difesa in campionato.

MILAN-FIORENTINA 1-3. A sette mesi di distanza dal successo che fu determinante in negativo per la corsa al titolo rossonera, la Fiorentina espugna nuovamente San Siro, rifilando al Milan una meritata quarta sconfitta davanti al proprio pubblico. Viola in vantaggio nel primo tempo con la rete dell’ex Aquilani. Pato si crea l’occasione per il pareggio conquistando un calcio di rigore che però poi si occupa di spedire alto sopra la traversa. Allora la Fiorentina, perfetta in difesa e collaudatissima nei movimenti e in ogni reparto, trova il 2-0 con il primo gol di Borja Valero. Allegri corre ai ripari nella ripresa, inserendo Bojan e Pazzini. La sua mossa frutta il gol del ‘Pazzo’, ma niente di più. Gli ospiti prima sfiorano (palo di Cassani)e poi trovano il gol del definitivo ko con El Hamdaoui, a giro sul secondo palo.

TORINO-BOLOGNA 1-0. Dopo oltre due mesi il Torino torna a vincere all’Olimpico. Decide il match Danilo D’Ambrosio, bravo ad incornare nella ripresa un cross dalla sinistra di Santana. L’1-0 finale premia i granata, più propositivi e creativi rispetto ad uno spento Bologna. La squadra di Pioli non riesce ad uscire dalla crisi e non vince dal 30 settembre. Ancora a digiuno di gol Gilardino. La classifica ora piange davvero: penultimo posto con un punto di vantaggio sul penalizzato Siena.

PARMA-SIENA 0-0. Il Parma non si risolleva dopo la pesante sconfitta di Pescara andando a pareggiare malamente contro il Siena di Cosmi che guadagna un’importante punto per muovere la propria classifica. Donadoni può riabbracciare Amauri ma deve fare a meno di Valdes, mentre il Siena risponde con il solito modulo con Calaiò unica punta supportata da Valiani e Reginaldo. Nel primo tempo solo due occasioni, una per parte con errori clamorosi da due passi di Calaiò e Rosi. Nella ripresa il Siena cerca di partire in contropiede ma è sempre il Parma ad avere le occasioni più importanti senza però essere incisivo davanti con Pegolo attento nelle poche volte in cui viene chiamato in causa.

CHIEVO-UDINESE 2-2. Angella riacciuffa due volte i gialloblù, che sbagliano anche un rigore con Luciano nella ripresa. Clamorosa svista della arbitrale sul secondo penalty concesso ai padroni di casa, con Thereau in evidente fuorigioco e Danilo espulso nella circostanza. Paloschi segna al rientro, quinto risultato utile per i bianconeri, il Chievo “muove” la classifica.

[youtube]http://www.dailymotion.com/video/xv0rgc_lazio-roma-3-2_sport?search_algo=2[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti