L’attuale city manager di Taormina, nei giorni scorsi nominato da Lombardo commissario alla Provincia di Catania, è stato subito revocato dal nuovo governatore. Al suo posto Leotta, ex segretario a Caltanissetta

Michelangelo Lo Monaco

Rosario Crocetta ha revocato la nomina di Michelangelo Lo Monaco a commissario della Provincia regionale di Catania. Il colpo di scena è arrivato lunedì mattina. E a questo punto il funzionario tornerà a Taormina, dove attualmente ricopre l’incarico di city manager.

Il neo-Governatore non aveva gradito l’incarico che il suo predecessore, Raffaele Lombardo, aveva conferito in extremis al proprio “fedelissimo” senza ascoltare un parere da parte del nuovo presidente eletto appena quindici giorni fa.

La revoca – riporta Livescilia – pareva essere nell’aria: pronta ad accadere da un momento all’altro. Una frenata, ma fino ad un certo punto, era arrivata semmai per via di quel documento che i capigruppo consiliari di Palazzo Minoriti avevano firmato appena la settimana scorsa: una nota nella quale veniva chiesto all’attuale Governatore di considerare la permanenza dello stesso Lo Monaco che “tanto si stava impegnando per risanare i conti in deficit dell’Ente”.

Lo stesso Lo Monaco ribatte: “Dopo un intenso lavoro che aveva cominciato a dare i primi risultati positivi per l’Ente Provincia Regionale di Catania e per la Comunità e per il quale ho registrato anche il consenso dei capigruppo consiliari, spiace prendere atto che il neo Presidente della Regione on. le Crocetta abbia adottato il provvedimento di revoca, che dubito trovi fondamento giuridico nella legge regionale n’43 del 2012”. “Da parte mia – ha spiegato Lo Lo Monaco – questa mattina ero regolarmente al lavoro per dare il mio contributo nel mettere a posto le cose”.

Al posto dell’ormai ex commissario, il presidente Crocetta ha nominato Antonina Liotta, che incontrerà la stampa domani mattina nella sede della Provincia a Tremestieri Etneo. Laureata in Scienze Politiche, proviene dalla Provincia regionale di Caltanissetta dove svolge le funzioni di segretario generale e direttore generale. Il suo curriculum professionale è ricco di nomine avendo iniziato a prestare la sua opera già a partire dal 1980 in vari Comuni siciliani e d’oltre Stretto. E’ stata, tra l’altro, segretario generale e direttore generale al Comune di Gela e commissario straordinario antimafia al Comune di Calatabiano dal 2000 al 2002.

Per Crocetta, che si è insediato sabato scorso a Palazzo d’Orleans, si tratta della prima revoca di una nomina fatta dal suo predecessore. Dopo la vittoria elettorale, Crocetta aveva annunciato di volere revocare tutte le consulenze fatte da Lombardo e aveva invitato l’ex governatore a non effettuare nomine e a non assegnare fondi prima del passaggio di consegna.

© Riproduzione Riservata

Commenti