La direttrice dell’Huffington Post italiano si è scagliata contro il collega al quale non ha risparmiato bordate 

Lucia Annunziata

Giuliano Ferrara sei un cretino”. Parola di Lucia Annunziata. Teatrino niente male ieri su La7, nello speciale di Enrico Mentana sulle elezioni presidenziali americane, che hanno visto la riconferma di Barack Obama alla Casa Bianca.

La direttrice dell’Huffington Post italiano si è scagliata contro il direttore de “Il Foglio” che, con un sorrisino malizioso, avrebbe commentato le proiezioni in Florida del sito democratic-oriented dell’Annunziata.

“Non me ne frega niente – ha continuato la giornalista, con Mentana che tentava di minimizzare l’accaduto – Ferrara le tue battute sono insopportabili, devi aspettare e se vuoi sentire cosa sta succedendo in America devi fare i compiti a casa, devi stare zitto e attendere. La notizia che ho dato sulla Florida non è falsa, la storia sta proprio così”. Ferrara ha cercato, sempre con una buona dose di ironia, di placare la collega (“ma ti sei offesta?”), puntando anche sul loro rapporto di amicizia.

Ma non è bastato, anzi: “Di un’amicizia fatta così non me ne faccio niente” e rincara la dose prendendosela pure con Mentana, in apparenza abbastanza divertito dalla situazione: “Voi non alzate un sopracciglio alle risatine che fa Giuliano, tu non dici mai niente. Lo so che vi piacete moltissimo, ma io mi sono stancata. Vi amo, ma non vi sopporto”. Una chiusura di polemica che mette ko i suoi “avversari”, con Mentana in difficoltà. Insomma, Ferrara non perde occasione per farsi nuovi “nemici”, spesso e violentieri le sue ospitate in televisione sono foriere di scontri con gli interlocutori che ha di fronte. L’ultimo lo scorso agosto, sempre con Mentana a fare da spettatore, con Marco Travaglio (tra i due comunque non scorre buon sangue) su un tema delicato come le trattative tra stato e mafia.

E’ altrettanto vero che la Annunziata non abbia un carattere morbido: anche lei infatti è stata protagonista in passato di incontri-scontri, anche con personaggi “vicini” ideologicamente, come quando abbandonò lo studio di Santoro ad “Annozero” criticando l’impostazione della trasmissione sullo scontro tra Israele e Palestina.

Senza dimenticare la campagna elettorale per le elezioni politiche del 2006, quando fu protagonista a “In ½h” di un diverbio con l’allora attuale Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che abbandonò arrabbiatissimo lo studio. Sia la Annunziata che Ferrara rappresentano due modi diversi di interpretare il giornalismo in primis e il giornalismo in televisione più in generale. Che piacciano o meno, quando ci sono loro davanti al piccolo schermo tutto può accadere.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=dY_20W4J8SM[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti