Il commissario Armando Di Maria lancia l’appello al Comune affinchè non si blocchi la raccolta rifiuti: “ho spiegato la situazione in tutti modi alla Giunta e ai dirigenti ma non mi ascoltano, sembrano insofferenti”

la raccolta rifiuti a rischio

L’emergenza rifiuti in atto a Messina, e già sfiorata anche a Taormina, potrebbe presto approdare proprio nella città del Centauro.

Il commissario di Messinambiente, Armando Di Maria, lancia un appello agli amministratori taorminesi, affinchè si trovino soluzioni concrete in grado di impedire che si realizzi nelle prossime settimane o forse già nei prossimi giorni la paralisi nel servizio di nettezza urbana.

“Io l’ho spiegato più volte e in tutti modi agli amministratori di Taormina e ai dirigenti – afferma Di Maria – ma sembrano insofferenti in tutti i modi. Così’ non si va avanti. Abbiamo problemi di gasolio, di mezzi e di semplice riparazione persino di una gomma. Ne ho parlato in Comune ma non mi ascoltano. Non so i problemi che hanno ma non possono essere problemi miei. Devono darsi una mossa per cercare di superare le difficoltà insieme, nell’interesse della città di Taormina, del Comune e dell’azienda, dei lavoratori e dei cittadini”.

Il timore, o forse è meglio dire la prospettiva che si affaccia all’orizzonte, è quella di una situazione di emergenza analoga a quella già in atto a Messina, dove intere strade sono state sommerse da cumuli di rifiuti.

E non è difficile immaginare quali conseguenze avrebbe, anche in termini di immagine, una condizione analoga anche in una località turistica come Taormina.

Il Comune di Taormina, al momento, deve a Messinambiente circa 4 milioni di euro e restano in stato di agitazione i lavoratori di Messinambiente che vorrebbero maggiori rassicurazioni per il loro futuro, a fronte di una pesante situazione debitoria che attraversano al momento sia la società mista per la quale prestano servizio ed anche il Comune stesso. Secondo Di Maria, come anche per i sindacati dei lavoratori, le soluzioni “tampone” a questo punto non bastano più per fronteggiare l’emergenza.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=mBQiz1bStwY&list=UU57QMfttqwBEZUW8C7n0HxA&index=1&feature=plcp[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti