Maxi giro di usura in Italia, affari per 55 clan: a Roma tassi di interesse arrivano anche al 1500% annuo; 400% a Firenze e 150% a Milano. E il fenomeno è in aumento

la crisi favorisce gli strozzini

L’Italia è un Paese “strozzato” dalle mafie, dove con un enorme giro di usura fanno affari 55 clan: è la denuncia dell’associazione Libera, che ha presentato il dossier “L’usura, il Bot delle mafie, fotografia di un Paese strozzato”. I clan si “delocalizzano” per fare soldi e i tassi cambiano di regione in regione, e nelle città il record lo registra Roma dove si arriva anche al 1500 per cento annuo.

Su 18mila segnalazioni di operazioni sospette di riciclaggio nel periodo 2010-2011, il 46% sono confluite in procedimenti penali per usura, abusivismo finanziario, riciclaggio e reimpiego di proventi criminali. Sono 55 i clan mafiosi che negli ultimi ventiquattro mesi compaiono nelle Relazioni Antimafia, nell’ inchieste e nelle cronache giudiziarie che riguardano i reati associativi con metodo mafioso finalizzati all’usura.

E’ usura di mafia, quella gestita dalla criminalità organizzata, ed è presente ‘il ‘gotha delle mafie: dai Casalesi al clan D’Alessandro, dai Cordì ai Casamonica, dai Cosco alla ‘ndrina dei De Stefano, dal clan Terracciano ai Fasciani, dai Mancuso ai Parisi, dai Mangialupi al clan della Stidda.

I tassi usurai cambiano di regione in regione: in Puglia, per esempio, i clan hanno raggiunto il 240% di tassi annui; in Calabria, nel vibonese, i clan hanno un tariffario pari al 257% annuo, nel cosentino e nella locride si scende a 200%.

Nelle metropoli si registra il record a Roma con tassi anche vicino al 1500% annui, che scendono a 400% a Firenze, e a 150% a Milano. I tassi sono altalenanti anche nelle province. I clan nel nord est padovano chiedono fino a 180% annuo, nel modenese tra il 120 ed il 150%, mentre ad Aprilia, nel basso Lazio, si è raggiunta la cifra record di 1075% di tasso annuo.

Numeri, clan, storie, affari che sono alcune istantanee del dossier di Libera intitolato “L’usura, il BOT delle mafie, fotografia di un paese strozzato”, prendendo in prestito questa immagine dal Pm Vincenzo Luberto che la usò all’indomani dell’operazione Star Price 2 – nella quale, secondo l’accusa, diverse somme di denaro frutto dei proventi dell’usura sarebbero state utilizzate per finanziare alcune attività commerciali.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=uq7NSVvyOqE[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti