“Caccia” all’ex tecnico del Barcellona: Berlusconi cerca un socio per il grande affare mentre gli inglesi hanno già ingaggiato Beguiristain, ex collaboratore di Pep

Pep Guardiola

Si va verso una sfida tra Manchester City e Milan per l’ingaggio di Pep Guardiola. L’allenatore dei “sogni” a giugno tornerà in panchina: ma con quale squadra?

Non è più un mistero che gli inglesi sono ormai pronti a dare il “benservito” a Roberto Mancini e la prima mossa verso Guardiola è stata fatta ufficialmente.

Il Manchester City ha ufficializzato, infatti, l’ingaggio dell’ex direttore tecnico del Barcellona, Txiki Begiristain, che prenderà il posto di Brian Marwood, con quest’ultimo che si occuperà soltanto della Football Academy.

Begiristain riporterà del suo operato all’amministratore delegato del City, Ferran Soriano, col quale aveva già lavorato ai tempi del Barcellona. E’ probabile che sia Beguiristain ad avviare i contatti per portare, sulla panchina del Mancheser City, il suo grande amico Joseph Guardiola, col quale ha condiviso il ciclo vincente al Barcellona.

Intanto Silvio Berlusconi starebbe cercando un supporto a livello societario per cercare di convincere l’ex allenatore del Barcellona a scegliere il Milan.

Quella che inizia oggi sarà una settimana importante per il club di via Turati. Il Cavaliere ha detto sabato scorso che «il Milan ha bisogno di cure, ma io non ho tempo di occuparmene». Un messaggio che, però, gli osservatori vicini al numero 1 rossonero hanno considerato più uno sfogo, considerato il delicato momento di Berlusconi e dello stesso Milan, piuttosto che un accenno a dismissioni importanti. L’ad, dopo la concreta e affettuosa dimostrazione di affetto e di stima che Berlusconi gli aveva riservato un mese fa quando si sono diffuse «voci» riguardo a un…ribaltone di via Turati, continuerà ad avere, a maggior ragione dopo le recenti parole del suo presidente, la delega su tutte le operazioni societarie.

Non è un mistero che Berlusconi stia cercando, più che un vero e proprio compratore, un partner in grado di garantirgli un supporto (almeno 200 milioni di euro) che contribuisca a rendere il Milan ancora più competitivo. Questa mossa, ad esempio, potrebbe convincere Pep Guardiola ad accettare la corte del Milan. Entro gennaio l’ex-Barça dovrà decidere cosa fare della sua carriera.

L’ingaggio di Guardiola, chiunque lo voglia sulla propria panchina, sarà una questione di soldi, tanti soldi: il Milan è davvero disposto a spenderli?

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=iJwZKMJFK88[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti