I nerazzurri inseguono la Juve: Ranocchia, Milito e Cambiasso affondano il Bologna: Proteste laziali al “Franchi” per 2 espulsioni e un gol annullato a Mauri

Diego Milito e Antonio Cassano

Nella giornata dell’anticipo “scandalo” tra Catania e Juve, arrivano altre polemiche: quelle della Lazio, ko al “Franchi” contro la Fiorentina.

Vince, invece, l’Inter che passa in casa del Bologna. Nelle altre partite pomeridiane, sconfitte casalinghe per Torino e Sampdoria, mentre termina senza reti la gara tra Pescara e Atalanta.

Punti pesanti e proteste vibranti a Firenze dove la Fiorentina batte 2-0 la Lazio con le reti di Ljajic e Toni, in una partita durante la quale succede di tutto. Si parte con il rigore calciato sul palo da Fernandez, per proseguire con il bellissimo gol di Ljajic (con Jovetic in posizione dubbia), e poi un tocco di mano in area viola che scatena le proteste biancocelesti. Proteste anche da parte dei viola per un contatto in area laziale. Poco dopo arriva il gol annullato a Mauri per un fuorigioco che le immagini dimostrano non esserci.

Un colpo duro per la Lazio che chiude in nove per le espulsioni prima di Hernanes e poi di Ledesma, e che subisce al 90′ il raddoppio di Toni. Con questi tre punti la Fiorentina sale a 15 punti in classifica, mentre la Lazio resta ferma a 18.

Dopo essere stata l’unica italiana a vincere in Europa League, l’Inter trova il successo anche in campionato, andando a vincere 3-1 in casa del Bologna. Una vittoria che lancia temporaneamente i nerazzurri al secondo posto in classifica. Ad aprire le marcature è Ranocchia nel primo tempo, seguito da Milito nella ripresa. Il Bologna riapre la partita con Cherubin, ma a chiuderla ci pensa Cambiasso con un bel pallonetto su assist di Palacio.

E dopo quella del Bologna, crollano in casa anche Torino e Sampdoria. Clamoroso il ko dei granata, battuti 3-1 dal Parma. Il Toro perde Sansone per espulsione e subisce il gol del Sansone degli emiliani. Amauri e Rosi firmano poi le altre due reri parmensi, mentre Basha realizza il gol della bandiera per i padroni di casa. Balzo in avanti per il Parma che si porta a 12 punti, mentre il Torino resta a quota 9. Quarta sconfitta consecutiva per la Sampdoria, battuta 1-0 a ‘Marassi’ dal Cagliari, che si impone con un gol dell’ex Dessena. In classifica i rossoblù salgono a 11 punti e sorpassano proprio i doriani, fermi a 10.

Finisce 0-0 e con un punto per uno, infine, tra Pescara e Atalanta, che si portano rispettivamente a 8 e 9 punti in classifica. Pareggio che sta un po’ stretto ai bergamaschi, costretti a giocare in dieci quasi tutta la ripresa per l’espulsione di Peluso, e pericolosi in contropiede.

© Riproduzione Riservata

Commenti