Il Comune pensa di affidare l’area all’Interbus ma gli operatori di viaggio chiedono si faccia “un appalto”

turisti al Terminal bus di Taormina

Gli operatori turistici di Taormina in fermento sulla gestione del Terminal Bus di via Pirandello. Il Comune, a quanto pare, sta, infatti, valutando l’ipotesi di un affidamento pluriennale dell’area all’Interbus: i tour operator chiedono invece ufficialmente alla casa municipale, con una nota inviata nelle scorse ore, la previsione di una gara ad evidenza pubblica.

La missiva fatta pervenire a Palazzo dei Giurati è a firma di Carmelo Fichera, manager della “Sat“– Sicilian Airbus Travel (Servizi Autonoleggi Turistici), e vede aderire inoltre Naxos Bus, Egmont Viaggi, Vinci Autoservizi, Giglio travel , Autoservizi Liuzzo, Noema Viaggi, Marlies Tour, Silvestri Travel, Sie bus, Ducezio viaggi, Avi travel, Tourplus Sicilia. Nodo del contendere è il Terminal, area comunale fruita sino ad oggi dall’Interbus e da tutte le altre compagnie, ma per la quale non è mai stato istituito alcun canone di locazione. “Abbiamo appreso con sorpresa – scrivono i tour operator – che di recente l’Amministrazione ha trattato l’eventuale affidamento del Terminal bus di via Pirandello o di parte di esso ad una azienda operante anche nel settore del trasporto pubblico di linea a seguito di richiesta di concessione da parte della stessa ditta”.

“Il Terminal ha un’importanza fondamentale nell’organizzazione della filiera turistica di Taormina, considerato il suo utilizzo esclusivo per gli arrivi e la partenze dei bus turistici oltre che come stazione di interscambio dei mezzi più piccoli che trasportano i turisti in tutto il comprensorio. In più, oltre che come stazione per il traffico di linea, risulta ancor di più indispensabile servendo come Terminal per gli operativi di tutte le escursioni offerte ai nostri ospiti che giornalmente partono da Taormina verso le più importanti destinazioni siciliane. Come si può ben ricordare, gli operatori turistici nella loro totalità in ogni occasione hanno sempre richiesto un’azione di recupero e riorganizzazione dell’area mettendosi a disposizione per condividere eventuali schemi progettuali ed ipotesi operative se non anche gli aspetti economici”.

“Ci risultano – conclude la nota – diverse proposte di interlocuzione da parte di privati per la riqualificazione dell’aria oltre ad interessanti proposte di project financing che non sembrano ad oggi avere avuto riscontro ne pubblicità, Riteniamo doveroso richiedere al Comune la massima trasparenza rispetto ad ogni atto relativo all’area in questione considerato che l’affidamento del Terminal o di parte di esso ad un singolo soggetto potrebbe poi creare con facilità gravi problemi di carattere logistico/organizzativo oltre a fenomeni di distorsione della concorrenza, specie in assenza di un quadro di regolamentazione generale che dovrebbe servire da indispensabile elemento propedeutico ad ogni programmazione di utilizzo del Terminal. Si invita l’Amministrazione ad instaurare eventualmente una procedura concorsuale ad evidenza pubblica con criteri e caratteristiche certe che possa servire da stimolo per proposte migliorative e convenienti per la città, su cui si possano confrontare positivamente quanti eventualmente interessati”.

© Riproduzione Riservata

Commenti