Il segretario del Pd domattina in lectio magistralis all’Università Kore di Enna. Ma la politica boccia l’avvenimento e parla di “conferenza vergognosa”

Pier Luigi Bersani

Bufera sull’annunciata lectio magistralis di Pierluigi Bersani in programma giovedì all’Università Kore di Enna. Un evento inopportuno in campagna elettorale, secondo l’ex ministro Saverio Romano. “E’ una vergogna che una istituzione universitaria faccia da piattaforma elettorale ad un leader di partito: ne va della sua autonomia e indipendenza”, dice il coordinatore nazionale Cantiere Popolare.

“In questo modo – aggiunge Romano – tra l’altro si offendono gli studenti e i docenti che hanno un orientamento politico diverso da quello del capo dei Democratici. Mi piace pensare che la Kore di Enna abbia organizzato degli incontri con tutti i leader di partito, diversi da Bersani, da qui al 28 ottobre, perché altrimenti sarebbe lecito equiparare la Kore di Enna alla scuola delle Frattocchie della nomenclatura comunista”.

Anche la Confederazione Kore si legge su Livesicilia -, un’associazione di studenti rappresentata negli organi accademici, boccia l’iniziativa: “Apprendiamo con stupore che la Kore ancora una volta non ha ben chiaro che l’Università è un luogo ove si formano gli studenti e non i politici del domani. Pensiamo che il rettore della Kore, Professor Puglisi, oltre ad essere un rettore del tutto assente dalle dinamiche didattiche, non riesca a tutelare gli studenti. Il rettore Puglisi avrebbe mai permesso a Bersani di tenere una lezione magistrale alla Iulm?”.

L’associazione degli studenti chiede le dimissioni del presidente Cataldo Salerno e chiude con una provocazione: si inviti “Beppe Grillo, posto che questa Università è caratterizzata da elementi di comicità e politica. Almeno Grillo ci farebbe davvero ridere”.

“L’onorevole Romano e Rifondazione Comunista avrebbero ragione a protestare così violentemente se l’Università di Enna avesse limitato la sua Aula Magna ai soli esponenti del Partito democratico”. Così, in una nota, il presidente dell’Ateneo Cataldo Salerno replica alle critiche contro la lectio magistralis di Bersani. “Le lezioni magistrali alla Kore – continua Salerno – hanno visto protagonisti finora numerosi esponenti politici di primo piano appartenenti all’intero arco costituzionale. Tutti hanno portato, intervenendo sempre nel pieno delle loro responsabilità politiche e istituzionali, contributi straordinari che, indipendentemente dalla collocazione ideologica di ciascuno, sono stati apprezzati con grande attenzione e partecipazione da parte degli studenti”.

“La lezione magistrale di Pier Luigi Bersani – aggiunge Salerno – si inquadra, come le tante altre, nella rassegna ‘La Kore incontra…’ ed è dedicata ad un tema – quello delle relazioni euro-mediterranee – che ci sta particolarmente a cuore e che abbiamo noi indicato. E’ esclusa qualsiasi trattazione di temi della campagna elettorale siciliana”. “D’altra parte – sottolinea Salerno – Bersani farà il suo comizio elettorale in città la sera prima e la sua presenza alla Kore non c’entra nulla con la campagna del partito democratico. Anzi, d’accordo con il Rettore professor Giovanni Puglisi, approfitteremo della presenza ad Enna di altri leader nazionali per ospitarli molto volentieri nella stessa rassegna, qualora lo vorranno”.

© Riproduzione Riservata

Commenti