La storia di Miguel Benancio Sanchez esempio nelle scuole per “educare” gli alunni con una maratona a riaffermare quel principio che la libertà individuale di tutti gli esseri umani è un diritto inalienabile

Miguel Benancio Sanchez

Miguel Benancio Sanchez, una vittima della dittatura argentina (1976 – 1983). In quel periodo i “desaparecidos” (le persone sparite) furono 30mila.

Miguel, sparì dalla sua casa la notte dell’8 gennaio del 1978. Poeta e corridore di mezzo fondo, amava la solidarietà, si occupava soprattutto dei bambini, degli anziani e dei poveri. Si preoccupava di coloro che durante le corse non avevano nè tuta nè scarpe adatte.

Le sue poesie hanno fatto il giro del mondo. E nel 2000 nasce così a Roma “La Corsa de Miguel “nel 2009 a L’Aquila, e nel 2011 in Argentina con il nome di “Carrera De Miguel”. Si corre a Buenos Aires, a Bariloche (Argentina), a Barcellona in Spagna, negli Stati Uniti.

Perchè si corre? Per riaffermare fortemente quel principio che la libertà individuale di ciascun essere umano è un “diritto inalienabile”. La Corsa di Miguel organizza ( in collaborazione con Libera) per l’anno scolastico 2012 \2013 una proposta didattica intitolata “Le Olimpiadi e le Paralimpiadi professoresse di storia e geografia”. Nell’occasione si è scelta anche un’altra storia da raccontare con un tragico percorso umano – sportivo quello di Samia Yusuf Omar, la ragazza somala che partecipò alle Olimpiadi di Pechino nel 2008, morta (qualche mese fa ) in mare mentre tentava di raggiungere l’Europa, in uno dei “barconi della morte “.

Quest’anno la novità sarà che insieme alla gara di mezzofondo sulla distanza dei mille metri “I Mille Di Miguel”, vi sarà una competizione di salto in alto valida come prova eliminatoria dei campionati studenteschi.

Ogni scuola potrà scegliere una o più attività che avranno anche un montepremi per singola manifestazione. La “Lezione” Olimpiadi e Paralimpiadi farà il giro del mondo delle storie, si parlerà di Tahmina, velocista afgana sprinter e donna a Kabul, di Uasin Bolt nei Caraibi, Mo Farah nato a Mogadiscio, campione olimpionico a Londra, di Samia, la ragazza somala morta nel Mediterraneo, Oscar Pistorius con i suoi 400 metri sia olimpici sia paralimpici.

Si corre il 20 gennaio 2013, con una prova non competitiva della Corsa di Miguel chiamata “Dal Ponte Per Samia “la partenzà sarà dal Ponte della Musica per un percorso di 4 chilomentri con arrivo allo stadio di Paolo Rosi, all’Acqua Acetosa.

Dal 15 febbraio al 10 marzo 2013 ,”Lo Staffettone 50 X 400 metri “, rivolta agli alunni della scuola primaria (elementare),”Il Mille Miguel”,rivolta alle scuole secondarie (medie) e superiori. La finale si svolgerà l’11 marzo alle stadio delle Terme di Caracalla.

© Riproduzione Riservata

Commenti