Dopo il successo di “Pechino Express”, adesso il nobile showman mira a fare il tronista da Maria De Filippi

Emanuele Filiberto

Come cambiano i tempi, anche per le case reali. E’ un Emanuele Filiberto che vuole stupire quello che interviene al programma “Cristina Parodi Live” su La 7.

Il principe parla infatti di tv a ruota libera, suggerendo che la carriera di conduttore – o comunque di personaggio del piccolo schermo – gli si addica particolarmente.

E come potremmo dargli torto? Proprio in questi giorni lo vediamo al timone di ‘Pechino Express’, nuovo show del giovedì sera di Raidue che, dopo un inizio in sordina, sta ottenendo un buon riscontro di pubblico.

Parlando del programma, un vero ‘esperimento’ per una rete generalista, Emanuele lo definisce un “adventure game, dove si scoprono nuovi luoghi e nuove culture” e fornisce un’anticipazione ‘furba’: “Nella prossima puntata ci sarà un’eliminazione che farà molto parlare”.

Nell’intervista il principe guarda anche al passato, ricordando la sua partecipazione al Festival di Sanremo nel 2009, quando la sua canzone, ‘Italia amore mio’, cantata con Pupo e il tenore Luca Canonici e classificatasi al secondo posto, fece molto discutere.

“Quella canzone divise il pubblico in modo incredibile, però secondo me sarà rivalutata. Ad esempio, mi hanno chiamato dalla comunità italiana a New York perché la cantassi al Columbus Day. Purtroppo non potrò andarci, ma mi ha fatto piacere scoprire che all’estero é una canzone di successo, che piace”, spiega.

Sul prossimo Festival di Sanremo, condotto dall’amico Fabio Fazio (che lo lanciò a ‘Quelli che il calcio…’), Emanuele dice: “Sanremo non ha quasi più niente a che vedere con la musica: é una grande vetrina, un grande show italiano ma non é che faccia vendere più dischi, come faceva una volta”. Parlando del conduttore, ammette: “E’ una persona molto intelligente, farà sicuramente una cosa molto bella, vedremo”.

Poi, in merito allo show ‘Il Principiante’, che su Cielo lo vedeva cimentarsi in vari mestieri ma che è stato accolto da qualche critica, il principe spiega: “Lo spettacolo serve a far divertire. Il Principiante era un modo per prendermi in giro e la critica avrebbe dovuto capirlo”.

Emanuele ammette di essere “sempre stato autoironico in televisione: mi é servito per farmi conoscere. Come nello spot dell’olio, che ancora oggi fa molto discutere, oppure nella partecipazione a Ballando”. La tv, di fatto, gli è servita per “vincere la timidezza. La telecamera mi apre, un po’ come uno psicologo – spiega Emanuele – Mi ha aiutato anche a stare meglio con mia moglie”.

Poi Emanuele afferma di essere un privilegiato: “Io principe ci sono nato, non l’ho scelto. E’ ovvio che questo mi abbia facilitato l’entrata nel modo della televisione, come d’altronde mi facilita in un sacco di altre cose, anche solo una prenotazione al ristorante. D’altronde non l’ho mai negato”.

Parlando di progetti per il suo futuro in tv, il rampollo di casa Savoia ribadisce la sua stima per uno dei personaggi più famosi del piccolo schermo italiano, confessando: “In televisione vorrei lavorare con Maria De Filippi, perché é una gran mattatrice, come lo é Milly Carlucci”.

Poi, con una battuta, fa una clamorosa rivelazione: “Se potessi scegliere, vorrei fare il tronista, perché non mi sono mai seduto sul trono!”.

E’ chiaro che, essendo sposato, al momento sarà difficile vedere il principe sedersi su uno degli scranni del ‘people show’ di Canale 5, ma non è del tutto improbabile che prima o poi la De Filippi ascolti il suo appello e che magari lo chiami nelle vesti di opinionista proprio a ‘Uomini e Donne’ oppure in quelle di inviato a ‘C’è posta per te’…

© Riproduzione Riservata

Commenti