Bruce Willis “torna” John McClane: stavolta in guerra contro la Russia. Andrà a liberare il figlio imprigionato

Bruce Willis in Die Hard 5

A distanza di ben 24 anni dal primo capitolo di Die Hard, il film cult torna al cinema con il quinto capitolo della saga. Die Hard 5 vedrà Bruce Willis, John McClane, dichiarare guerra alla Russia per liberare il figlio imprigionato.

Ricordate l’atto iniziale del capolavoro d’azione? E’ il 1988 e l’action di John McTiernan sbanca i box office di tutto il mondo con “Die Hard – Trappola di cristallo”. 150 milioni di dollari d’incasso, dopo esserne costati appena 28. Nasce così un grande personaggio, ovvero John McClane, alias Bruce Willis.

In questi ultimi cinque lustri abbiamo visto 3 nuovi Die Hard in sala. L’ultimo nel 2007, fino all’arrivo del quinto capitolo, dal 14 febbraio nei cinema d’America. A Good Day To Die Hard il titolo, diventato Die Hard – Un Buongiorno per morire per il mercato italiano, finalmente quest’oggi ‘anticipato’ da un breve ma adrenalinico teaser trailer.

Willis, nonostante l’età cominci a farsi sentire anche per lui (57 anni) si conferma intramontabile. Un “duro” oltre l’anagrafe e oltre qualsiasi ostacolo, e anche stavolta lo vedremo con quella sua grinta e determinazione caratteristica che lo hanno reso uno dei più amati attori di Hollywood.

Diretto da John Moore, il film Die Hard 5vede Jai Courtney, Cole Hauser, Sebastian Koch, Julia Snigir e Mary Elizabeth Winstead al fianco dell’insostituibile Willis, anche se la presenza del “figlio” di John McClane potrebbe significare la nascita nuova saga con tanto di classico passaggio del testimone. Da Bruce a Jai, in conclusione.

Semplice ma non per questo poco avvincente la trama, con McClane al centro di un complotto internazionale. Cambia il “paesaggio” sullo sfondo, dagli States alla Russia, ma non gli ingredienti principali. Ovvero Willis, esplosioni, battute al vetriolo e tanta azione.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=TNqEJczNf4g[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti