Organizzare playlist, podcast e librerie musicali con un semplice ed utile programma per le piattaforme Linux

Linux music

La musica rappresenta uno stile di vita per molte persone. A tutti piace la musica, ma è doveroso tenere sotto controllo i brani e la loro organizzazione sul PC.

Ciò richiede un buon programma organizzi le cartelle musicali, in modo da trovare facilmente una canzone, senza perdere troppo tempo, anche attraverso la creazione di playlist. In tal senso, un aiuto valido può darlo un programma denominato Rhytmbox, dedicato alle piattaforme Linux.

Rhythmbox è uno dei lettori musicali più popolari disponibili per Linux. Attualmente, le alternative sono Banshee, Clementine e altro ancora. Rhythmbox è il lettore musicale di default per un certo numero di distribuzioni nell’ambiente desktop di Gnome. Infatti, se è stato installato Ubuntu 12,04, lo si può trovare integrato nel menu Suono. È anche abbastanza ricco di funzionalità, senza, però, rendere l’esperienza di utilizzo troppo complicata.

Riproduzione dei brani. Al primo avvio di Rhythmbox (e anche a ogni nuovo lancio), sarete automaticamente guidati nella cartella Musica per vedere quali canzoni aggiungere. Se è possibile riprodurre una canzone su qualsiasi altro player che utilizza i codec di sistema – chiamato anche plugin GStreamer – Rhythmbox verrà aggiunto alla libreria. Da qui in poi, è possibile cercare per genere, artista, album o trovare la canzone che si desidera riprodurre. È, inoltre, possibile importare altre cartelle e avere il supporto per le playlist esistenti. Ci sono anche tre playlist intelligenti, che includono i brani più votati, le canzoni aggiunti di recente e le canzoni riprodotte di recente.

Altre caratteristiche. Riprodurre la libreria musicale non è l’unica cosa che Rhythmbox può fare. Il programma offre anche il supporto ai podcast: tutto quello che dovete fare è aggiungere il feed podcast e sarà automaticamente verificata la presenza di nuovi podcast e scaricati quando disponibili. È anche possibile aggiungere stazioni radio Internet in Rhythmbox.

Rhythmbox ha anche il supporto per i plugin, che aggiungono funzionalità o stabiliscono connessioni a servizi di terze parti. Potete vedere Last.fm nonché Libre.fm, tra i servizi disponibili. Attraverso l’infrastruttura dei plugin, si può andare nel negozio Ubuntu One e nel negozio Magnatune.

Impostazioni. Quando si va nelle Impostazioni, troverete un paio di caratteristiche semplici da configurare. È possibile scegliere quale configurazione impostare per il browser canzone, le colonne di informazioni devono essere riportate sulle canzoni nella zona al di sotto del browser, se ci dovrebbe essere una dissolvenza incrociata tra le canzoni e per quanto tempo, dove Rhythmbox deve cercare nuova musica e la frequenza di tempo necessaria per verificare nuovi podcast.

Installazione. Per installare Rhythmbox nel caso in cui non ce l’avete, cercate nel vostro gestore di pacchetti, con il termine “rhythmbox”. Gli utenti Ubuntu possono utilizzare la riga di comando ed eseguire sudo apt-get install rhythmbox per installarlo, mentre gli utenti Fedora possono utilizzare Rhythmbox sudo yum install .

© Riproduzione Riservata

Commenti