Francia, il 56% degli elettori boccia il presidente. E’ uno dei cali più consistenti dall’inizio della quinta repubblica

Francois Hollande

E’ proprio il caso di dire che sono già tempi duri anche per Francois Hollande. Il presidente francese ha perso undici punti in mese nell’ultimo “barometro” Ifop pubblicato dal ‘Journal du dimanche’.

Con il 43 per cento dei soddisfatti e il 56 per cento degli scontenti, la lancetta del gradimento del capo dello stato è passata in rosso, per la prima volta dal suo arrivo all’Eliseo. Ancora più grave è che Hollande perde punti con i Verdi (- 19), con il Fronte di Sinistra (- 15) e con i simpatizzanti del Ps (-6), mentre il suo elettorato comincia a rendersi conto che non potrà mantenere tutte le promesse fatte in campagna elettorale.

Si tratta di uno dei cali più consistenti dall’inizio della quinta repubblica. Solo Jacques Chirac, dopo il referendum europeo del 2005, e il generale de Gaulle, dopo la guerra d’Algeria, aveva perso altrettanto terreno (12 punti) in un mese.

Accerchiato dall’opinione pubblica, il capo dello stato si batte su più fronti: quello della crisi è il più delicato.

© Riproduzione Riservata

Commenti