Vaticano senza vergogna. In Germania chi non paga contributi alla Chiesa, “non crede”. Nel Paese natale del Papa i vescovi si inventano una singolare scomunica

una caricatura di Papa Ratzinger

Chi non paga i contributi alla Chiesa, non crede. Nel Paese natale di papa Ratzinger i vescovi si inventano la “scomunica light”: se i fedeli non pagano la tassa annuale (l’equivalente del nostro 8 per mille) non possono far parte della comunità religiosa e di conseguenza non potranno ricevere sacramenti né confessarsi. Nemmeno il funerale è concesso.

Come a dire ministri di Dio sì, ma solo se ci stipendiate.

La procedura introdotta dalla Conferenza episcopale tedesca – spiega un articolo di Blitz Quotidiano – ha incassato l’ok del Vaticano. Una dura risposta al grande esodo di fedeli in Germania. Dal 1990 in poi sono in media 100 mila i fedeli che ogni anno lasciano ufficialmente la chiesa per evitare di pagare l’imposta. Il record è stato toccato nel 2011 quando ne usciròno 126 mila.

La controversa Kirchensteuer è una tassa che finisce direttamente nelle casse dell’anagrafe tributaria: il contribuente deve indicare se appartiene alla confessione cattolica o a quella protestante, di conseguenza gli sarà applicata una tassa con aliquote che variano dal 3% all’8% del reddito Irpef.

L’avallo di Roma giunge dopo anni di insistenze da parte dei vescovi tedeschi. A lungo il Vaticano aveva fatto valere le sue obiezioni: nel 2006 aveva chiaramente detto che non bastava dichiarare allo Stato tedesco di non essere più cattolici. Ma ora che è cambiata la musica non si capisce come mai la Chiesa, che per definizione è universale, scomunichi i fedeli tedeschi che non pagano l’obolo mentre continui a considerare cattolici i tanti Italiani che decidono di destinare il proprio 8 per mille ad altre nobili cause.

Forse la Chiesa tedesca non ha considerato che molte persone di fede cattolica possono aver deciso di non finanziarla anche a causa della crisi economica che attanaglia tante famiglie: senza voler essere blasfemi molti potrebbero considerare più importante portare a casa il pane piuttosto che spezzarlo simbolicamente durante la messa domenicale.

© Riproduzione Riservata

Commenti