L’ad Tim Cook avrebbe “riconosciuto” l’esistenza di un problema e quindi deciso di scusarsi con gli utenti

la mappa di iOS6 va corretta

Le critiche e le lamentele dei clienti Apple sono state numerosissime e causate dai imolti errori, lacune e manchevolezze presenti nelle mappe di iOS.

Il nuovo sistema di Mappe utilizzato da Apple per sostituire Google Maps proprio per la situazione di delusione e protesta che ha creato ha fatto sì che Tim Cook abbia deciso di scusarsi con gli utenti, un po’ disillusi e scontenti.

La nuova strategia di Cupertino avrebbe come scopo quello di aumentare la raccolta pubblicitaria e l’utilizzo di mappe è fortemente legato al business della pubblicità geolocalizzata in continua espansione. Apple comunque avrebbe messo in evidenza che il suo nuovo sistema di cartografia va considerato un work in progress che verrà migliorato e aggiornato con i prossimi upgrade. Inoltre sarebbe prossima una versione delle proprie mappe che sarà pubblicata sull’App Store che darà una soluzione alternativa a quella proprietaria.

Apple Maps offre vedute fotografiche in 3D ma soprattutto quelle di alcune grandi città non raggiungono i livelli di quelle di Google. Inoltre non presenta informazioni utili sui mezzi di trasporto pubblici. Anche il database dei “punti di interesse” è molto più scarno di quello Google e commette numerosi errori con indicazioni confuse, specialmente navigando in zona urbana.

I possessori di device mobili una volta che sui loro dispositivi è stata istallata l’ultima versione del sistema operativo iOS, hanno fatto numerose segnalazioni sul web delle lacune ed errori del nuovo sistema. La società che ha fornito ad Apple il database per creare il suo sistema è la famosa TomTom che ha scaricato ogni responsabilità sugli sviluppatori Apple.

TomTom, società che ha fornito ad Apple il database per creare il suo sistema, ha però difeso il suo operato e scaricato ogni responsabilità sugli sviluppatori.

Da parte sua Google non è rimasta ferma e ha rilanciato pochi giorni fa, nuove importanti migliorie per l’app Google Maps.

© Riproduzione Riservata

Commenti