Il procuratore Antimafia a Taobuk: “è vero che ho dato parere positivo allo spostamento del processo Dell’Utri a Milano, mi meraviglia però averlo letto sui giornali”. Elezioni e liste pulite: “tutti i cittadini hanno un grande strumento. Sappiano scegliere, poi non si lamentino…”

Pietro Grasso

“Confermo le indiscrezioni ma sono meravigliato che certe cose siano già uscite sulla stampa”. Così il procuratore nazionale Antimafia, Pietro Grasso ha commentato a Taormina la notizia del parere positivo da lui espresso sul possibile trasferimento da Palermo a Milano del processo a Marcello Dell’Utri, l’inchiesta che vede il senatore del Pdl accusato nel capoluogo siciliano di una presunta estorsione, da 40 milioni di euro, messa a segno nei confronti dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

Il procuratore ha trascorso la giornata di sabato a Taormina, dove ha preso parte all’inaugurazione del Festival Internazionale del libro “Tabouk”: “In queste ore mi chiedono in tanti se sia vero che ho dato parere positivo per spostare il processo Dell’Utri da Palermo a Milano. Mi ha meravigliato leggere certe cose sulla stampa. Il segreto d’ufficio imponeva che il mio parere fosse conosciuto solo dopo il pronunciamento del Procuratore generale della Cassazione sul tema della competenza. Mi dispiace che sia avvenuto questo. Non posso che confermare che da un punto di vista tecnico la questione è stata affrontata così e comunque il nostro è un parere certamente non risolutivo. Deciderà poi la Procura generale della Cassazione”. Altro tema scottante è lo scontro tra il presidente della Repubblica e i pm di Palermo: quali scenari apre questa contesa? “Al momento nessuno. Aspetttiamo con serenità la decisione della Corte Costituzionale”.

Poi la politica e elezioni regionali, dove addirittura qualcuno aveva proposto una candidatura di Grasso: “Ho letto anch’io che è stato fatto il mio nome. Ma niente di più”.

E sul tema delle “liste pulite”: “il discorso io credo che sia essenziale, non solo in relazione alla legge, perchè sappiamo bene che ci vuole una sentenza definitiva perchè una persona venga ritenuta responsabile di qualcosa. Non penso che manchino i candidati da impegnare e proprio per questo si può fare una cernita maggiore e scegliere persone capaci. I cittadini criticano spesso i politici ma noi abbiamo in democrazia un grande strumento, che è il voto. Sappiatelo usare bene perchè poi non ci si può lamentare. Abbiamo ciò che meritiamo”.

Grasso ha parlato anche di Taormina: la capitale del turismo siciliano è nel mirino di infiltrazioni criminali? Sull’argomento vi proporremo nelle prossime ore la risposta del procuratore all’interrogativo posto da Blogtaormina…

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=K7ey4qOmi4g[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti