Briguglio: “Currenti è fuggito subito dinanzi alla mia candidatura. Fli fa paura”. Currenti: “io sono coerente, la politica non si fa con inciuci e accordi sottobanco”

Pippo Currenti e Carmelo Briguglio

E’ guerra aperta tra Pippo Currenti e Carmelo Briguglio. Gli ormai ex amici ed ex alleati si “regalano” nuove bordate.

L’uno contro l’altro, verso la resa dei conti delle elezioni regionali. Il vicepresidente dei parlamentari di Fli punta su Gianfranco Miccichè, il deputato regionale invece sosterrà Nello Musumeci.

Tra i due, insomma, il passato fianco a fianco ormai è solo un ricordo remoto e sbiadito.  

“C’è un grande clima di fiducia e speranza nei confronti di Musumeci – si legge in una nota di Currenti – e c’è un progetto politico forte, attorno a lui. Sono sempre più convinto di aver preso una decisione giusta, la sola possibile in un’ottica di rilancio fattivo e condiviso del nostro territorio. Non era più possibile rimanere in Fli, dove tensioni e confusioni regnano sovrane: non si può fare politica nell’equivoco. Quello che sta avvenendo mi dà ragione. Con l’elettore bisogna essere trasparenti ed è fondamentale anteporre la forza delle idee alla logica individualistica dei numeri. La politica si esplicita con la forza delle idee ed il coraggio della responsabilità e non può essere espressione di piccoli inciuci o accordi sottobanco che portano ad inevitabili forme di implosione politica e generano un senso di distacco del cittadino dai propri rappresentanti istituzionali. In questi giorni, come ho sempre fatto anche in questi anni, sto incontrando i cittadini, forte della mia autonomia e della coerenza con le mie idee ed il mio operato”.

“Il mio – conclude Currenti –  è un sostegno leale e determinato a Musumeci, che ha un’indiscussa esperienza amministrativa. I fatti parlano in suo favore più di qualsiasi spot elettorale. I siciliani vogliono un forte cambiamento e sapranno fare la scelta giusta”.

E non si è fatta attendere la replica di Briguglio. Il coordinatore regionale di Fli ha così risposto sulle fughe da Fli: “Futuro e Libertà fa paura”.

Briguglio attacca Currenti e anche Adolfo Urso (che ha dichiarato a sua volta: “la scelta coraggiosa di Pippo Currenti di candidarsi rafforza la candidatura di Nello Musumeci e la lista del presidente che sarà aperta e competitiva“).

“Savona è andato in lista alleata, Ruggirello è scappato dal confronto con Marrocco nella stessa lista, e Currenti è fuggito per lo stesso motivo dinanzi alla mia candidatura. Vedremo alla prova anche le preferenze di Adolfo Urso che è noto per essere un campione di consensi. Si candidi in prima persona. Se i candidati sono questi, addio Lista Musumeci, noi godiamo di ottima salute e a fine mese le liste Fli con Mps parleranno da sole per qualita’ e per consenso che è ben oltre il 5 per cento”.

Sul caso Currenti, Briguglio ritiene che “non ci sarà alcun contraccolpo per il partito e non intaccherà nè la forza nè il consenso di Fli come le elezioni regionall dimostreranno”.

© Riproduzione Riservata

Commenti