Aperta una pratica sul procuratore Franco Cassata. Rischia il trasferimento per incompatibilità con il figlio Nello che nella stessa città ha la professione di avvocato. Ma sul magistrato ci sono altri fascicoli da esaminare

il procuratore Franco Cassata

Nuovi guai per il procuratore generale di Messina, Franco Cassata.

La prima commissione del Consiglio superiore della magistratura ha aperto una pratica su Cassata, per presunta incompatibilità parentale: il figlio è infatti avvocato nel foro della stessa città e, per quanto civilista, avrebbe avuto incarichi anche in procedimenti penali.

I consiglieri della Commissione – si legge sul sito di Enrico Di Giacomo – hanno sentito ieri lo stesso Cassata che avrebbe pero assicurato che quegli incarichi al figlio sarebbero stati immediatamente revocati.

A carico del Pg messinese, che rischia il trasferimento, penderebbero anche altri fascicoli che la commissione, rinnovata nella sua composizione, non ha avuto ancora modo di esaminare.

Scrive sul suo blog l’on. Sonia Alfano: “Una pratica del Csm sul pg di Messina Antonio Franco Cassata”.

“Il Csm ha avviato un procedimento per incompatibilità ambientale sul procuratore generale di Messina, dott. Antonio Franco Cassata. Ecco come lo annuncia l’AdnKronos: Csm: aperta pratica su pg Messina Cassata, rischia trasferimento. Roma, 19 set. – (Adnkronos) – La prima commissione del Consiglio superiore della magistratura ha aperto una pratica sul procuratore generale di Messina, Franco Cassata, per presunta incompatibilita’ parentale: il figlio e’ infatti avvocato nel foro della stessa citta’ e, per quanto civilista, avrebbe avuto incarichi anche in procedimenti penali. I consiglieri della Commissione hanno sentito ieri lo stesso Cassata che avrebbe però assicurato che quegli incarichi al figlio sarebbero stati immediatamente revocati. A carico del Pg messinese, che rischia il trasferimento, penderebbero anche altri fascicoli che la commissione, rinnovata nella sua composizione, non ha avuto ancora modo di esaminare.

In realtà, molti ricorderanno quanto scrissi alcuni mesi fa: “E’ notizia dei giorni scorsi che il figlio del dott. Cassata, l’avv. Nello Cassata, è indagato dalla Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto (organo requirente sottoposto al controllo del Procuratore generale di Messina Cassata) per associazione a delinquere finalizzata alla truffa assicurativa. Si può ritenere il dott. Antonio Franco Cassata compatibile con l’ambiente nel quale esercita, essendo il figlio indagato dagli uffici a lui sottoposti? Pare che il Csm ritenga di sì…”. Ecco, mi viene da pensare che il procedimento per il trasferimento d’ufficio di Cassata sia stato avviato proprio perché il suo ruolo di Procuratore generale crea necessariamente una posizione di imbarazzo e di difficoltà istituzionale ai pubblici ministeri che dovranno avviare il processo a carico dell’avv. Nello Cassata. Con il trasferimento (o il pensionamento di Cassata) magari i cittadini barcellonesi onesti avranno la fortuna di vedere tornare nella loro città le agenzie assicurative, visto che, da quando Barcellona Pozzo di Gotto era divenuta la capitale mondiale della infortunistica stradale, seppure solo quanto ai risarcimenti, perfino i colossi assicurativi erano stati costretti a chiudere i battenti nella città del Longano”.

© Riproduzione Riservata

Commenti