Secondo furto in tre mesi: portati via 5 mila euro e 3 pistole dei vigili urbani. Il sindaco Orlando Russo: “se si tratta di ritorsione personale, questi balordi sappiano che io non mi sono mai piegato a nessuno”

rilievi dei Carabinieri al Comune di Castelmola

A distanza di tre mesi dal raid del 13 giugno scorso, altra incursione notturna al Comune di Castelmola. Ancora una volta ignoti sono entrati in azione ed hanno forzato due cassaforti della casa municipale servendosi di fiamma ossidrica.

Si è appurato dopo una prima analisi che sono state portate vie tre pistole dei Vigili Urbani e gli incassi dei parcheggi.

Sottratta una somma in denaro che ammonta a quasi 5 mila euro, in monete. Sul posto per tutti i rilievi e gli accertamenti del caso sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Taormina.

“Siamo già al secondo furto in tre mesi – dichiara il sindaco Orlando Russo – e a questo punto non posso non rilevare la gravità della situazione. Bisognerà comprendere l’esatta matrice di questi assalti notturni al nostro Comune. L’episodio di lunedì notte fa seguito a quello compiuto con analoghe modalità lo scorso giugno. Non so se si tratti forse di qualche ritorsione personale visto che questi episodi si contestualizzano entrambi dopo la mia elezione a sindaco ma posso dire con serenità e certezza che non mi sono mai piegato a nessuno e ho sempre anteposto il bene di questa comunità a qualsiasi altra cosa. Ho fiducia nell’operato delle Forze dell’Ordine, che certamente sapranno far luce su questi fatti. E’ chiaro che non si tratta più di un singolo episodio e ci è stato già assicurato che i controlli saranno ulteriormente rafforzati. Non possiamo permettere a qualche balordo di intaccare la quiete della nostra comunità e quel clima di grande tranquillità che ha sempre caratterizzato la cittadina di Castelmola”.

© Riproduzione Riservata

Commenti