Confermata la soppressione della sede Tribunale di Trappitello, disposta dal Ministero della Giustizia: è ufficiale anche il trasferimento del giudice di pace

soppresso il Tribunale di Taormina

Pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale i due decreti che ridisegnano la geografia giudiziaria italiana. Per quanto riguarda Messina è ufficiale l’addio definitivo alla sezione di Tribunale distaccata di Taormina (come S. Agata e Mistretta).

I giudici di pace soppressi –fatta salva l’attivazione della procedura di cui all’art. 3 del D.lgs. 156/2012– sono invece quelli di: Alì Terme, Santa Teresa di Riva, Taormina, Francavilla di Sicilia, Novara di Sicilia, Rometta, Milazzo, Santo Stefano di Camastra, Naso, S. Agata di Militello, Sant’Angelo di Brolo.

Già lo scorso 10 agosto era arrivato il via libera del Consiglio dei ministri al provvedimento sulla revisione degli uffici giudiziari: un atto che non ha colto di sorpresa perlomeno gli ambienti della “Perla dello Jonio”, dove da tempo ci si era ormai rassegnati alla soppressione della sede distaccata del palazzo di giustizia, ubicata in via Francavilla a Trappitello.

Al momento per quanto riguarda il Comune di Taormina non sembrano esserci i presupposti nemmeno per una riconferma almeno degli uffici del Giudice di Pace, anche se in tale contesto specifico la normativa ha concesso facoltà ai Comuni di appellarsi per chiedere la conferma del servizio sul proprio territorio.

In questa eventualità, tuttavia, dovrebbe essere garantita un’apposita sede ed i costi diventerebbero a carico interamente del Comune. Uno scenario logistico ed economico che Taormina, sin qui, non sembra potersi permettere, anche alla luce di una situazione finanziaria molto critica per le casse comunali.

Il debito pubblico di Palazzo dei Giurati (sul quale grava l’ulteriore spada di Damocle di vari contenziosi e liti pendenti) sembra un ostacolo troppo grande anche solo per provare a far restare in zona il giudice di pace, e con molta probabilità anche in questo caso si avrà uno spostamento presso la sede centrale del Tribunale di Messina.

© Riproduzione Riservata

Commenti