L’imprenditore ufficializza la discesa in campo. L’Udc sta per annunciare Giardina. Passalacqua proverà il bis. La rosa dei papabili e non si esclude qualche “mister x”

Vittorio Sabato

“Mi candido a sindaco a Taormina nel 2013. La decisione è presa”. La dichiarazione è di Vittorio Sabato, l’imprenditore ed ex consigliere comunale che così annuncia la sua discesa in campo. A sorpresa Sabato rompe gli indugi e lancia la sfida agli altri competitori in vista della tornata amministrativa prevista nella primavera del prossimo anno.

“Ho maturato la decisione di candidarmi a primo cittadino con una lista civica alla quale sto già lavorando – afferma Sabato, da anni ormai punto di riferimento nella cittadina di Trappitello – e ho sbagliato a non aver fatto questa scelta già in passato. L’attuale Amministrazione, eletta anche grazie a me, ha iniziato male e sta finendo peggio. In questa città si parla di tanti candidati ed è legittimo proporsi ma bisogna avere un’idea di cosa sia gestire una grande azienda. Il Comune è un’azienda e non può essere intesa con una visione improvvisata delle cose. Ho aiutato sindaci e coalizioni che poi hanno deluso le aspettative. A questo punto, vado per la mia strada”.

“E’ un fatto noto a tutti – aggiunge Sabato – che non ho bisogno di uno stipendio in Comune: mi candiderò perchè anzi Taormina mi ha dato tanto per l’attività imprenditoriale e sotto l’aspetto umano. Adesso devo dare qualcosa io a questa città. Ho delegato persone che non sono state all’altezza. Si dirà che sono già stato in Comune: ma sono stato solo consigliere comunale e non ho mai avuto alcuna carica istituzionale. Sono certo di conoscere i mali del Comune di Taormina. Non è ammissibile che la politica e i dirigenti non siano stati in grado di opporsi alle imprese che hanno “aggredito” le casse comunali. Sbaglia chi pensa che sia stato soltanto il lodo Impregilo ad affondare le casse municipali”.

E’ ancora agli inizi la lunga volata per elezioni comunali 2013 ma stavolta una certezza sembra già esserci: diversamente dalle volte precedenti saranno più di due gli sfidanti.

L’Udc ha già reso noto che tra pochi giorni annuncerà il suo candidato e con molta probabilità si tratterà di Eligio Giardina.

Pochi sono i dubbi anche sulla ricandidatura del sindaco uscente, Mauro Passalacqua, che certamente ritenterà la scalata a Palazzo dei Giurati.

Oltre ai soliti nomi non è da escludere che possa presto spuntare a sorpresa un “mister x”.

In ogni caso, si dovranno verificare, intanto, le posizioni dei vari gruppi. Sembra molto probabile un asse Udc-Pd anche alla luce delle recenti dinamiche regionali e dei contatti tra i referenti locali dei partiti. In questa stessa “orbita” potrebbe collocarsi Grande Sud.

E si sta già da tempo muovendo anche Fli, dove da tempo propone la sua nomination a candidato il consigliere comunale Pinuccio Composto.

Si attendono anche le mosse del Pdl, dove l’ago della bilancia sembra essere soprattutto l’assessore Nunzio Corvaia, che a differenza del collega Fabio D’Urso, al momento ha preso le distanze dalla prospettiva di sostenere la ricandidatura di Passalacqua. E lo stesso Corvaia sembra essere “corteggiato” al momento di un forte pressing dall’Udc. Su questo fronte potrebbero, insomma, maturare clamorosi sviluppi.

Restano d’attualità per la candidatura a sindaco anche altri nomi, tra i quali Mario D’Agostino, Pina Raneri e Cino Restuccia.

© Riproduzione Riservata

Commenti