Col nuovo redditometro, l’agenzia delle Entrate potrà determinare il reddito del contribuente sulla base di un elenco voci di spesa. Così si avrà una contrazione dei consumi e la delocalizzazione di famiglie e imprese

Mario Monti

Stipendi, pensioni d’oro e privilegi vari della casta restano immacolati, mentre l’italiano medio resta bersaglio dal Fisco come “agnello sacrificale” per risanare i conti pubblici. Il copione dell’Italia di Monti non cambia e rischia anzi di farsi ancora più pesante da qui ai prossimi mesi.

Sarà pronto entro fine ottobre il nuovo redditometro, strumento messo a punto dall’Agenzia delle Entrate per valutare la compatibilità delle spese dei contribuenti con il reddito dichiarato prima di far scattare eventuali controlli. Nel mirino, colf, palestre, asili, automobili. E c’è chi teme che il nuovo strumento possa diventare troppo invasivo, e che si trasformi in uno studio di settore applicato a 22 milioni di famiglie e 50 milioni di contribuenti.

Il redditometro – come spiega l’economista Eugenio Benetazzo in un approfondimento sul blog specializzato “Caso in piedi” – è uno di quegli strumenti di accertamento coatto che caratterizzano il modus operandi dell’autorità di vigilanza fiscale italiana, molto conosciuto anche all’estero per la sua capacità di essere particolarmente opprimente nei confronti del contribuente, forte di una presunzione oggettiva che conferisce potere all’autorità e all’amministrazione finanziaria, a fronte dei processi di accertamento fiscale. Il redditometro presuppone un elenco di voci di spesa che, per presunzione oggettiva, consentono all’autorità finanziaria di determinare il potenziale di reddito che scaturisce da un contribuente a fronte della sua attività di consumo, della fruizione di determinati servizi e della detenzione di determinati beni che possano manifestare un determinato tenore di vita.

L’esecutivo attuale all’interno del piano di rilancio e di risanamento dell’economia italiana, ha individuato nell’ampliamento della sfera d’azione del redditometro, uno strumento utile atto a contrastare il fenomeno evasivo in Italia. Questo ampliamento della sfera d’azione presuppone un aumento delle voci che l’autorità fiscale può utilizzare in fase di predeterminazione del reddito attraverso il ricorso alla presunzione oggettiva. Ciò significa che a fronte di determinate spese o detenzione di determinati beni, l’Agenzia delle entrate può presupporre che il contribuente possa avere un tenore reddituale particolarmente elevato o agiato. Nello specifico, possiamo indicare come recentemente siano state inserite voci di spesa quali le iscrizioni a circoli sportivi, a palestre, oppure anche il ricorso a badanti per il supporto ai propri parenti alla terza e quarta età.

L’italiano medio si trova ancora una volta a vivere in uno Stato di Polizia tributaria con un aumento e un’oppressione fiscale che probabilmente non ha precedenti storici, e contribuente medio si trova nelle condizioni di evitare di effettuare determinati consumi che possano generare eventuali fenomeni di accertamento tributario da parte dell’Agenzia. Non dimentichiamo, tanto per fare determinati esempi, come anche un viaggio – vacanza tanto desiderato, a fronte di risparmi e di rinunce accantonati nei mesi precedenti, per un importo superiore a 3600 Euro, oggi rappresenti una di quelle voci che consentono allo strumento del redditometro delle valutazioni da parte dell’agenzia sul tenore di reddito del contribuente.

Dopodoché, non dobbiamo confondere tra attività di accertamento e evasione fiscale, in quanto se una persona ha un profilo reddituale certo, sano, a fronte del quale vengono onorate e regolarmente pagate le imposte dovute, ogni tipo di fenomeno di consumo o di spesa rientra e è giustificabile nei confronti di qualsiasi terzo.

L’utilizzo del redditometro come strumento di accertamento coercitivo da parte del governo è stato in più occasioni contestato da autorità istituzionali, anche non italiane, e soprattutto anche da personalità e autorità del mondo accademico internazionale come i Nobel Stiglitz e Krugman, i quali mettono in profonda discussione l’utilizzo di questi strumenti.

Un comportamento di questa portata da parte dell’esecutivo, produce una contrazione dei consumi: il consumatore medio, intimorito da un possibile peggioramento del quadro sul piano fiscale da parte delle autorità di vigilanza italiane, tende a evitare determinati consumi, oppure a spostarli più avanti nel tempo o peggio ancora a ‘dissimularli’ utilizzando, per esempio, veicoli societari paralleli che consentono di eludere sia i controlli sia la generazione di determinato gettito fiscale.
Le recenti dinamiche sull’evoluzione del Pil italiano dimostrano come la domanda aggregata, soprattutto per quanto riguarda il livello dei consumi medi, abbia subito una pesante battuta d’arresto dovuta proprio a un’eccessiva ingerenza e un’appesantita oppressione da parte dell’Agenzia delle entrate.

Il trend è ormai inquietante: ogni mese centinaia di italiani abbandonano il nostro paese, se ne vanno via, delocalizzano la propria vita, non solo sul piano finanziario, ma anche sul piano imprenditoriale o professionale, trasferendosi in altri paesi che sono molto più accondiscendenti e incentivando addirittura gli ingressi all’interno del proprio territorio.

Basti pensare anche a Paesi all’interno dell’Unione Europea che, letteralmente, attraggono il buon contribuente italiano, il buon imprenditore italiano, sapendo che questo nel tempo è generatore di gettito fiscale, è generatore di risparmio, è generatore di posti di lavoro.

Purtroppo noi italiani in questo momento stiamo vivendo una forte perdita di capitali e risorse di natura finanziaria che, per timore dei fenomeni aggressivi e oppressivi di accertamento da parte delle autorità, preferiscono migrare e andare su giurisdizioni diverse, molto più compiacenti e favorevoli alla spesa, alla messa in circolo di questo denaro. La stessa cosa sta avvenendo per quanto riguarda anche le imprese, stanche di questi comportamenti oppressivi da parte delle autorità, che decidono di chiudere a chiave i propri stabilimenti, le proprie fabbriche, i propri opifici e si trasferiscono altrove, questo rappresenta il vero danno che al momento attuale sta colpendo il nostro paese.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ZfXe2NBxdUc[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti