Il Comune recapita gli avvisi di pagamento: prelievo annuale di 3,6 milioni dalle tasche dei contribuenti. Confermate le tariffe 2011 e il versamento in 4 rate

i ruoli Tarsu anche quest’anno in quattro rate

Arrivano i ruoli 2012 della Tarsu. La temuta notifica annuale per i contribuenti taorminesi si materializzerà nei prossimi giorni, con richiesta di pagamento a partire da ottobre. Nelle scorse ore la casa municipale ha affisso l’apposito avviso all’albo pretorio. Quest’anno il pagamento richiesto arriverà in ritardo rispetto al passato.

“Come tutti sanno – spiega l’assessore al Bilancio, Fabio D’Urso – il Comune ha delle difficoltà economiche e i ruoli Tarsu sono slittati anche perchp sinora è stata rinviata anche l’approvazione del bilancio, che doveva essere adottato in primavera e i cui termini per l’adozione sono stati ora rinviati ad ottobre. Di conseguenza abbbiamo, quindi, atteso che il Consiglio si pronunciasse sulle tariffe e che le confermasse, che rimarranno le stesse del 2011. Per questo gli uffici hanno atteso sino a questo momento per procedere alle notifiche”.

Il Comune di Taormina ha previsto che dai ruoli annuali della Tarsu possano entrare nelle casse di Palazzo dei Giurati 3 milioni 600 mila euro.

“Con queste somme – ha aggiunto D’Urso – faremo fronte alle richieste di pagamento, per altro legittime, da parte di Messinambiente sulle somme che dobbbiamo versare alla società per il 2012. E tenendo presente che il nostro debito nei loro confronti è di 3 milioni 900 mila euro si potrebbe ripianare in tal senso la situazione debitoria dell’ente locale in questo contesto specifico”.

Il pagamento richiesto ai cittadini, e dunque sia ai residenti per le proprie abitazioni che agli operatori economici per le rispettive attività, si articolerà in quattro rate che potranno essere versate entro il mese di aprile del prossimo anno. L’Amministrazione conta di ottenere in questo modo prezioso ossigeno per la condizione a dir poco asfittica delle casse comunali. Non saranno invece contenti gli oepratori economici, che contavano di mettere da parte qualche soldo in più per la stagione invernale e stavolta la Tarsu dovranno pagarla a fine anno.

© Riproduzione Riservata

Commenti