Il fotografo Antonello Zappadu rivela i segreti della residenza sarda del Cavaliere. C’è anche un passaggio scavato nella roccia, che porta al mare di Sardegna

il tunnel segreto di Villa Certosa

Non bastava il mausoleo ad Arcore. Anche a Villa Certosa Silvio Berlusconi ha realizzato qualcosa di incredibile. L’obiettivo annunciato sarebbe stato quello di arrivare al mare e sfuggire a un eventuale attentato e così Villa Certosa, la residenza estiva del Cavaliere, svela ora il suo tunnel segreto scavato nella roccia.

Il fotografo Antonello Zappadu (famoso per aver immortalato il Cavaliere in Costa Smeralda con alcune ragazze) sul suo blog ha pubblicato le foto di quel cunicolo che porta dritto al mare di Sardegna, di quell’uscita di sicurezza fatta a mo’ di serpente e che sarebbe stata consigliata all’ex premier dagli 007 come misura di sicurezza.

Si vede un tunnel per la salvezza, con tanto di mosaici sul fondale con la figura di Poseidone, giochi di luce e passerelle fashion, chiesto dai “servizi segreti” – disse nel 2004 Silvio Berlusconi- “dopo le trentotto minacce di morte che ho ricevuto”.

“Per il tunnel ho chiamato Lunardi (l’ex ministro delle Infrastrutture) e gli ho chiesto di non rovinare nulla. Invece sui giornali sardi si parla di ascensori, incrociatori e sommergibili. Tutta roba da pagliacci”, aggiunse ancora il Cavaliere.

“Sono passati 14 mesi – afferma Zappadu – da quando, accompagnato dal mio avvocato, ebbi l’ardire di presentare un esposto denuncia, supportato da esauriente e copiosa documentazione fotografica, alla procura di Tempio Pausania dove “ipotizzavo” abusi edilizi a Villa Certosa per circa 3000 metri cubi. Alcune di queste immagini non sono state scattate da me, come ho scritto nell’esposto denuncia, visto che si tratta di foto “interne” alla Villa ed ai suoi habitué e che, come ho dichiarato a suo tempo, mi sono state recapitate in forma anonima. Le foto riprendono tra gli altri: il sempre ipotizzato e mai certificato Tempio massonico di Salomone che Berlusconi avrebbe fatto costruire a Villa Certosa. Di quell’esposto non ne so assolutamente nulla, non so neppure se qualcuno lo abbia mai letto o archiviato”.

Del tunnel sottomarino, realizzato nelle profondità di Villa Certosa, Zappadu parla così: “come il figlio della Moratti ha costruito il suo personale “garage” di Batman, il Silvio nazionale non ha voluto essere da meno, “regalandosi” il tunnel sottomarino alla James Bond. Anche qui si tratterebbe, per noi mortali, di capire qualcosa sulle concessioni necessarie per scavare sotto gli scogli alterando i fondali marini con mosaici da “impero romano”.

© Riproduzione Riservata

Commenti